Bitcoin ha pochi fan tra i politici in Occidente, in particolare quelli della sinistra progressista. In risposta alla sua crescente popolarità come asset finanziario, questo gruppo sta portando avanti la narrativa secondo cui Bitcoin, a causa del mining, è dannoso per l'ambiente e dovrebbe essere regolamentato, se non vietato, per combattere il cambiamento climatico.

Questa narrativa contro Bitcoin arriva in un momento in cui i progressisti stanno anche promuovendo piani per sostituire il consumer banking a favore di conti bancari presso la Federal Reserve, prendendo in considerazione l'implementazione di una valuta digitale e discutendo modifiche ai mandati della Federal Reserve al fine di promuovere gli obiettivi progressisti. L'esistenza di una forma di denaro redditizia e non statale potrebbe minacciare questa agenda se gli americani scegliessero Bitcoin in numero significativo, per non parlare anche della questione se gli attacchi al consumo energetico di Bitcoin riguardino davvero solo i suoi presunti effetti sul clima.

Mettendo da parte questa domanda, i progressisti che affermano che Bitcoin è uno spreco ambientale implicano che ha poco valore rispetto al suo consumo di energia. Questo non è corretto. Dal solo punto di vista umanitario, Bitcoin fornisce un valore significativo a coloro che si trovano nel mondo in via di sviluppo. Lo fa alleviando i problemi associati all'inflazione elevata, ai diritti di proprietà scadenti e ai servizi bancari limitati.

Come affermano Nic Carter e Ross Stevens nel loro Bitcoin Net Zero: "Gli eventi di iperinflazione generalmente derivano dalla cattiva gestione dei sistemi finanziari e dell'economia da parte dei governi centrali. Bitcoin offre al mondo un'alternativa: un solido sistema monetario al di fuori del controllo dei governi e delle banche centrali".

Per milioni, forse anche miliardi di persone che vivono in Paesi in via di sviluppo con alta inflazione, diritti di proprietà scadenti e cattiva governance, Bitcoin è un mezzo per proteggere i propri risparmi e far crescere la propria ricchezza. Come hanno affermato Carter e Stevens: "Le persone in questi Paesi apprezzano le qualità istituzionali di Bitcoin, le quali scardinano con successo le impostazioni locali".

Ignorando la realtà economica di tanti nel Terzo Mondo, i progressisti non riescono a contestualizzare adeguatamente i costi energetici di Bitcoin.

Bitcoin e la sua proposta riguardo il valore umanitario

L'attuale sistema bancario centrale, utilizzato dalla maggior parte delle nazioni occidentali, necessita di una riforma. Detto questo, le banche centrali nel mondo sviluppato rimangono preferibili ai disastrosi sistemi finanziari che caratterizzano il Terzo Mondo.

Negli Stati Uniti il presidente non ha ancora preso il controllo della banca centrale e fissato direttamente i tassi d'interesse, come sta attualmente tentando di fare il presidente Erdoğan in Turchia. E mentre l'IRS vorrebbe curiosare su tutte le singole transazioni bancarie superiori a $600, il Tesoro USA non ha congelato i conti bancari dei consumatori come in Argentina nel 2002, né le banche americane hanno imposto limiti di prelievo arbitrari sui conti personali, un evento più recente in Libano.

Gli americani e altri Paesi sviluppati vivono attualmente in un sistema monetario e finanziario caratterizzato dalla repressione finanziaria: tassi d'interesse artificialmente bassi ed una valuta degradata come mezzo preferito per far fronte ad un elevato rapporto debito/PIL. Nonostante ciò non hanno sperimentato il grado di controllo del capitale o di iperinflazione che può distruggere intere società nel giro di pochi mesi.

L'iperinflazione, usando la definizione fornita da Philip Cagan negli Studies in the Quantity Theory of Money di Milton Friedman, è un aumento del livello dei prezzi del 50% o più al mese. Nella loro Hyperinflation Table, Steve Hanke e Charles Bushnell scoprono che, dalla prima guerra mondiale e dall'ascesa delle banche centrali, si sono verificati 57 eventi di iperinflazione in tutto il mondo.

Che aspetto ha l'iperinflazione per coloro che la sperimentano? Saifedean Ammous fornisce una panoramica dei suoi effetti sulla società nel suo libro, Il Bitcoin Standard:

L'iperinflazione è un fenomeno molto più pernicioso della semplice perdita di valore economico da parte di molte persone; costituisce una completa scomposizione della struttura della produzione economica di una società costruita nel corso di secoli e millenni. Con il crollo del denaro, diventa impossibile commerciare, produrre o impegnarsi in qualcosa di diverso che non sia l'essenziale della vita [...]. Prima si fugge verso i beni di lusso, ma presto si passa agli elementi essenziali della sopravvivenza, fino a quando gli esseri umani non torneranno ad un stato barbarico in cui devono badare a sé stessi e lottare per assicurarsi i bisogni più elementari della sopravvivenza.

La morale della favola è questa: l'iperinflazione uccide. E mentre i cittadini delle nazioni sviluppate non hanno ancora sperimentato i suoi effetti nell'era delle banche centrali, i politici progressisti in Occidente pensano che il loro sistema bancario centrale strettamente regolamentato sia superiore alle alternative. Poiché gli occidentali non hanno sperimentato l'iperinflazione, non capiscono perché le persone che vivono nel Terzo Mondo dovrebbero aver paura del denaro fiat e della sua eccessiva emissione. L'adozione diffusa di Bitcoin nei Paesi più colpiti dall'elevata inflazione ci suggerisce che sia preferito alla valuta locale, malgrado la sua caratteristica volatilità di prezzo.

Oltre a fornire protezione contro l'eccessiva emissione di valuta fiat, Bitcoin allevia anche i problemi correlati di diritti di proprietà individuali scadenti e servizi bancari limitati. Rispetto ad entrambi, Bitcoin consente alle persone di accedere ad una riserva di valore sicura su un registro globale decentralizzato. Ciò consente loro di costruire ricchezza in una "proprietà" su cui l'individuo è sovrano, perché Bitcoin non è soggetto a furto o confisca da parte dello stato, né fisicamente né tramite svalutazione della valuta.

Oltre alla funzione di riserva di valore, Bitcoin consente anche alle persone di prestare peer-to-peer e di accedere al credito. Queste funzioni fondamentali dell'attività bancaria facilitano l'attività imprenditoriale e stimolano la crescita economica. Lo stiamo già vedendo in Nigeria, dove le persone hanno scambiato più di $40 milioni di Bitcoin tramite prestiti peer-to-peer solo lo scorso agosto. Man mano che Bitcoin diventa sempre più adottato in tutto il Terzo Mondo, continuerà a consentire alle persone di uscire dalla povertà rafforzando i loro diritti di proprietà e dando loro accesso ai servizi bancari.

Infine Bitcoin riduce i costi associati alla migrazione. Immaginate di fuggire da un Paese disperato, affamato e devastato dalla guerra, o dalla persecuzione basata sulla vostra etnia, sistema di credenze, sessualità o qualsiasi altra cosa. Prima di Bitcoin i vostri risparmi, se foste stati tanto fortunati ad averne, sarebbero stati legati a beni fisici (bestiame o altro inventario aziendale, immobili, oro, ecc.) e sarebbero stati estremamente difficili da trasportare. E tutti i soldi che avevate sarebbero stati confiscati in qualsiasi punto lungo il vostro viaggio.

Con Bitcoin potete immagazzinare almeno parte della vostra ricchezza su un'unità USB ad esempio, oppure memorizzare il seed. Questa è un'applicazione potente: riduce il costo di opportunità di scegliere la libertà e consente ai migranti di lasciare le situazioni di crisi conservando parte dei loro risparmi.

Nozioni di base su Bitcoin

In termini tecnici, Coindesk definisce Bitcoin come una "valuta digitale che utilizza un protocollo peer-to-peer open-source per condurre, verificare e registrare le transazioni. È una forma di valuta decentralizzata non supportata da alcun governo o istituzione finanziaria, o ancorata al valore di qualsiasi merce come l'oro". L'offerta di bitcoin è limitata a 21 milioni di unità da un algoritmo che non può essere modificato. Può essere utilizzato come riserva di valore, unità di conto globale, per il settlement internazionale e online, e ai fini della sovranità individuale; può anche essere facilmente trasportato nel tempo e nello spazio. Viene trasferito peer-to-peer, il che significa che non richiede una terza parte come la banca centrale o lo stato.

Bitcoin è considerato da molti "denaro sano e onesto". Come dice anche Brian Curran: "Il denaro sano ed onesto conserva il suo valore nel tempo, funziona come mezzo di scambio ed è altamente divisibile per funzionare su larga scala". Storicamente l'oro è l'esempio più comune di denaro sano ed onesto, ma Bitcoin, poiché è digitale, migliora l'oro in termini di trasportabilità.

A causa della sua natura decentralizzata, Bitcoin è quasi impossibile da tirare giù. Quando il mining di Bitcoin è stato di recente vietato in Cina, le attività si sono spostate altrove. Per vietare Bitcoin, gli stati dovrebbero agire in un gioco sincronizzato di "colpisci la talpa" per eliminare continuamente i server che lo ospitano. Come Ralph Merkle descrive Bitcoin in DAO, Democracy and Governance:

L'unico modo per tirarlo già è spegnere tutti i server che lo ospitano. Il che è difficile, perché sono molti i server ad ospitarlo, in molti Paesi, e molte persone vogliono usarlo.

Qual è il valore di questa tecnologia, in terawattora (TWh)? Questa è una domanda importante. In mancanza di qualsiasi considerazione per questi problemi, i progressisti occidentali danno poco o nessun valore alla tecnologia, etichettandola come nient'altro che una "criptovaluta ecologicamente dispendiosa".

Affrontare le critiche sul dispendio di energia

L'estrazione di Bitcoin viene eseguita tramite un sistema di "prova di lavoro". I miner, in competizione tra loro, usano energia computazionale per risolvere problemi matematici in modo da poter aggiungere blocchi al registro Bitcoin. In caso di successo, vengono ricompensati con bitcoin di nuova emissione.

Attualmente il mining di Bitcoin rappresenta lo 0,04% del consumo energetico globale e lo 0,1% delle emissioni globali di carbonio. Nic Carter e Ross Stevens lo contestualizzano rispetto ad altre innovazioni moderne: "Stimiamo che Bitcoin abbia consumato 62 TWh di elettricità nel 2020, il che ha comportato 33 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica, insignificanti in termini globali".

Fanno questa affermazione perché confrontano il consumo di energia di Bitcoin con quello di altre innovazioni moderne, come la refrigerazione domestica statunitense (630 TWh) e le asciugatrici domestiche statunitensi (108 TWh).

Considerando che il mining di Bitcoin consuma poco più della metà dell'energia utilizzata dagli essiccatoi negli Stati Uniti, è corretto affermare che i costi energetici di un'innovazione che può fornire tanto sollievo economico alle persone del Terzo Mondo rappresentino solo uno "spreco"?

Oltre a quelli che sono i bassi costi energetici rispetto al valore fornito, il mining di Bitcoin sta diventando sempre più efficiente dal punto di vista energetico. Poiché Bitcoin può essere estratto da qualsiasi luogo con energia sufficiente per supportare l'operazione di mining, i miner si spostano verso la fonte più economica ed efficiente dal punto di vista energetico e possono usare l'energia sprecata dalle reti energetiche per "unire" domanda ed offerta. Ad esempio, la maggior parte delle risorse energetiche, in particolare le energie rinnovabili come il solare e l'eolico, sono sovradimensionate in termini di approvvigionamento energetico, poiché devono essere in grado di soddisfare i livelli fluttuanti della domanda.

Detto questo, ci sono molti giorni in cui queste risorse energetiche sprecano energia perché l'offerta è maggiore della domanda. Bitcoin presenta una soluzione a questo problema, perché è una risorsa di carico interrompibile, o controllabile, che può consumare energia in eccesso (con profitto per il fornitore di servizi) quando la domanda è bassa, ma essere interrotta/controllata quando la domanda è alta rispetto all'offerta.

In questo modo il mining di Bitcoin può aiutare a supportare la creazione di fonti di energia rinnovabile senza l'uso di combustibili fossili per sostenere i periodi di forte domanda.

Ne stiamo vedendo un esempio ora in Texas, dove i miner di Bitcoin usano il gas naturale bruciato come fonte di energia. Il senatore Ted Cruz ne ha preso atto, parlando al Texas Blockchain Summit:

Il cinquanta per cento del gas naturale che viene bruciato in questo Paese, viene bruciato proprio ora nel Permiano, nel Texas occidentale. Penso che sia un'enorme opportunità per Bitcoin, perché in questo momento si tratta di energia che viene semplicemente sprecata. Viene sprecata perché non ci sono apparecchiature di trasmissione per portare quel gas naturale dove potrebbe essere utilizzato nel modo in cui il gas naturale verrebbe normalmente impiegato; quindi viene semplicemente bruciato.

Sintesi

Come disse Friedrich Hayek 37 anni fa:

Non credo che avremo mai più una buona forma di denaro finché non lo toglieremo dalle mani dello stato. Cioè, non possiamo toglierlo violentemente; tutto quello che possiamo fare è introdurre in qualche modo furbo e tortuoso qualcosa che non possa fermare.

Probabilmente Bitcoin è il "modo furbo e tortuoso" di Hayek e molti politici occidentali, in particolare i progressisti, si stanno innervosendo poiché la sua adozione e l'uso come denaro non statale cresce. Il loro disagio probabilmente deriva dalla minaccia che tutto ciò rappresenta per gran parte della loro agenda fiscale e monetaria riguardo il mondo sviluppato. Tale disagio è stato pubblicamente espresso sotto forma di attacco al costo energetico di Bitcoin, un attacco privo di qualsiasi contesto ignorando il significativo valore umanitario di Bitcoin.

Se progressisti come Elizabeth Warren estendessero i loro valori di "sostegno al consumatore" per applicarli anche a quelli al di fuori del mondo occidentale, vedrebbero il valore di Bitcoin. E se guardassero onestamente al consumo energetico di Bitcoin rispetto alle sue applicazioni umanitarie e alla capacità di guidare l'innovazione nei mercati energetici, forse riconsidererebbero tutto l'impianto sgangherato della loro critica.

Di David Waugh

Traduzione di Francesco Simoncelli