EOS arriva da una seduta positiva, nella quale si è creato un engulfing rialzista. Questa figura è costituita da due candele consecutive di colore opposto. Il corpo della seconda candela racchiude e rompe (al rialzo o al ribasso) completamente il corpo della candela precedente.

Nello specifico la giornata di ieri del 10 aprile il prezzo ha aperto in area 5.85 dollari, testando i minimi in area 5.73 per poi iniziare la sua corsa al rialzo e portare il prezzo a chiudere in area 5.98 dollari. Le resistenze da tenere sotto osservazione sono: 7 e successivamente 8.63 dollari (resistenze mensili), mentre per quanto riguarda i supporti: 4.92 e 3.24 dollari (supporti mensili). Le medie mobili a 100 e 200 periodi al momento sono orientate al ribasso e si trovano rispettivamente in area 5.94 e 6.35 dollari.

Per chi volesse acquistare EOS

Entrare nel momento in cui il prezzo rompe e chiude al di sopra della resistenza statica in area 7 dollari, con stop loss a 5.60 e take profit in zona 8.63 dollari.

Per chi detiene attualmente EOS

Mantenere la posizione visto che il prezzo si trova all’interno di un trading range.       

Per chi volesse vendere EOS

Possibili ingressi ribassisti nel momento in cui il prezzo rompe zona 5 dollari, con stop loss posizionato a 6.50 e primo target in area 3.24 dollari. 

 

Fonte grafica: EOS/Dollaro