Dopo i pesanti ribassi dello scorso novembre, Eos (EOS) rialza finalmente la testa e mette a segno nella sessione di ieri la migliore sessione da 8 mesi a questa parte; le contrattazioni si sono aperte a 1.9465 e chiuse sui massimi a 2.4504 dollari, con un rialzo pari al 25.8%.

A livello tecnico l’accelerazione al rialzo è stata innescata dal completamento del modello rialzista a doppio minimo decrescente, con la rottura della resistenza a 2.1733 dollari; la configurazione del modello fornisce ora un obiettivo di prezzo al rialzo a quota 2,80 dollari, non molto distante dalla resistenza di breve di quota 3 dollari, il cui superamento al rialzo, confermato in chiusura, potrebbe calamitare un’estensione degli acquisti su EOS.

Se il mercato mostrasse di contro configurazioni resistive nei pressi di area 3 dollari vi sarebbero occasioni favorevoli per nuovi ingressi short.

Le prossime resistenze segnalate sono a 2.5, 3, 3.30, 3.85, 4.5, 5.05, 5.4, e 6,1 dollari, mentre troviamo supporti a 2.20, 1.85, 1.50, 1.20, 1 dollari.

Per chi volesse acquistare EOS

Attendere il breakout di area 3 dollari, confermato in chiusura; stop loss a 1.75 dollari e primo target a 4.50 dollari ed in estensione 6.10 dollari.

Per chi detiene attualmente EOS

Liquidare le posizioni

Per chi volesse vendere EOS

Il segnale di vendita è scattato con il breakout sotto area 4,50 dollari. Stop loss a 3 dollari e primo target a 3,70 dollari (già raggiunto), 2.50 dollari (già raggiunto), 2 dollari (già raggiunto), 1.85 (già raggiunto) e in estensione 1,50 dollari.