Le pesanti vendite su Eos (EOS), iniziate il 19 Novembre con la rottura al ribasso di quota 4,5 dollari, non accennano ancora a fermarsi. Negli ultimi 14 giorni la sesta criptovaluta per capitalizzazione di mercato ha quasi dimezzato il proprio valore.

Nella giornata di ieri si è assistito ad un calo del 9,68%, le contrattazioni si sono aperte a 2,874 e chiuse a 2,595 dollari (dati di Bitfinex)

Le perdite si stanno estendendo anche nella seduta odierna, con il prezzo che ha raggiunto un nuovo minimo annuale a 2,301 dollari.

Il quadro tecnico è più che mai debole e nella sessione odierna il mercato sta cercando di recuperare il supporto a 2,6 dollari; al di sotto di tale soglia non ci sono difese significative fino a quota 2 dollari.

Per riportare fiducia sul mercato serve una mossa al di sopra di area 4.5 dollari, anche se per nuovi ingressi long bisognerà però attendere chiusure superiori a 5.40 dollari.

Le prossime resistenze segnalate sono a 3.30, 3.85, 4.5, 5.05, 5.4, e 6,1 dollari.

Per chi volesse acquistare EOS

Attendere il breakout di area 5.40 dollari, confermato in chiusura; stop loss a 4.50 dollari e primo target a 6.10 dollari ed in estensione 6.80 dollari.

Per chi detiene attualmente EOS

Liquidare le posizioni

Per chi volesse vendere EOS

Il segnale di vendita è scattato con il breakout sotto area 4,50 dollari. Stop loss a 6 dollari e primo target a 3,70 dollari (già raggiunto), 2.50 dollari (già raggiunto) ed in estensione 2 dollari.