Dopo aver aggiornato i minimi annuali all'inizio della settimana,  EOS (EOS) ha chiuso la seduta di ieri in leggero recupero. Le contrattazioni si sono aperte a 3,82 e chiuse a 3,851 dollari, in rialzo dello 0,83% (quotazioni di Bitfinex).

La rottura al ribasso del supporto a 4,5 dollari, avvenuta lunedì, ha sancito l’inizio di una nuova fase di debolezza per la sesta criptovaluta per capitalizzazione di mercato.

Nella sessione di ieri la forte pressione dei venditori ha spinto EOS a toccare un nuovo minimo annuale a 3,4703 dollari.

Il quadro tecnico è più che mai debole e per riportare fiducia nel mercato serve innanzitutto una mossa al di sopra di area 4.5 dollari; per nuovi ingressi long bisognerà però attendere chiusure superiori a 5.40 dollari, confermata in chiusura.

Le prossime resistenze segnalate sono a 4.5, 5.05, 5.4, e 6,1 dollari.

Per chi volesse acquistare EOS

Attendere il breakout di area 5.40 dollari, confermato in chiusura; stop loss a 4.50 dollari e primo target a 6.10 dollari ed in estensione 6.80 dollari.

Per chi detiene attualmente EOS

Liquidare le posizioni

Per chi volesse vendere EOS

Il segnale di vendita è scattato con il breakout sotto area 4,50 dollari. Stop loss a 6 dollari e primo target a 3,70 dollari (già raggiunto) ed in estensione 2.50 dollari.

Target

Rialzista

  • 6.10
  • 6.8
  • 7.8
  • 9.50
  • 11
  • 14
  • 16

Ribassista

  • 4,75 (raggiunto il 13 agosto)