Ethereum da circa due settimane non riesce ad esprimere una direzionalità chiara, riscontrando difficoltà a portarsi oltre 219, ma resistendo per il momento alle pressioni ribassiste grazie alla tenuta di 213 dollari.

La struttura di medio periodo è fortemente condizionata oltre che da un forte trend ribassista, solo recentemente stabilizzato a ridosso dei 200 dollari, anche da una meno estesa lateralità di estremi 220 e 205 dollari

Sfortunatamente restringendo la prospettiva temporale gli indicatori tecnici più dinamici indicano un indebolimento della pressione in acquisto, caratterizzata da bassi volumi scambiati sotto la media e chiusure recenti negative.

Le implicazioni per le prossime sedute sono dunque negative con il rischio di vedere oltrepassare quota 212 dollari, proiettando i prezzi nuovamente a ridosso di 205, unico supporto ancora potente per impedire evoluzioni più drammatiche.

L’unica speranza per difendere il tentativo fallito di superare la resistenza di 223 dollari e che si verifichino chiusure superiori a 217 dollari nelle prossime sedute, scenario al momento improbabile.

Per chi volesse acquistare Ethereum

Attendere il superamento di 219 dollari, confermato in chiusura, con stop loss a 205 dollari e primo target a 237 dollari.

Per chi volesse vendere Ethereum

Per l’apertura di nuove posizioni collocare un ordine condizionato a ridosso di 215 dollari con stop loss corto a 220 dollari e take profit a 189 dollari.