Non accenna a fermarsi l’ondata di vendite su Ethereum, vittima oggi di una perdita di valore che sfonda il 15 per cento in parte adesso recuperata.

Nell’attuale sell off generalizzato su tutto il mercato delle criptovalute Ethereum  sconta uno dei bilanci più negativi, con un ribasso partito lo scorso 14 novembre scorso è costato perdite maggiori del trenta per cento.

L’analisi sul grafico giornalieri dei pattern disegnati evidenzia la formazione di un'altra black marubozu adesso in contrazione, dalla valenza ovviamente negativa, in quanto completa un movimento ribassista partito con la perdita di 190 dollari e amplificato con la violazione di 172 dollari.

Anche l’indicatore di trend cci sul grafico giornaliero prolunga il tratto discendente assumendo valori da ipervenduto, il cui significato palesa non solo l'assoluto dominio dei venditori ma anche un inaspettato incremento della pressione verso il basso nonostante il movimento ribassista pregresso.

La prospettiva con questa velocità di caduta è di assistere presto alla violazione prima  di quota 120 dollari e successivamente 110 dollari.

Soltanto un veloce recupero dei livelli di resistenza oltre 150 dollari può ripristinare una valida linea di contenimento da cui ripartire per tornare a conquistare la resistenza oltre 167 dollari, scenario al momento alquanto improbabile in assenza di notizie percepite dal mercato come positive.

Per chi volesse acquistare Ethereum

Collocare ordini pendenti a ridosso di 123 dollari, con stop loss 115 e target 154 dollari: l'operazione presenta un grado di rischio molto elevato, inteso come probabilità di verifica dello stop loss.