Minare Bitcoin con un Nintendo Game Boy degli anni '90 sembra un'impresa impossibile. Eppure lo YouTuber Stacksmashing ci è riuscito dimostrando che anche una vecchia console Nintendo è in grado di minare Bitcoin. 

La corsa al Bitcoin

Bitcoin attrae più dell'oro con le quotazioni che sfiorano i 60.000 dollari sulla piattaforma Coinbase. La pausa vista nel corso del mese si è limitata al test di area 50.200 e non ha minato la struttura fortemente rialzista di fondo che anzi potrebbe rivitalizzarsi nel caso di ritorno in pianta stabile sopra area 60.000. Atteso un questo caso un allungo almeno in area 70.000. Sotto quota 50.000, invece, i prezzi potrebbero scivolare verso i minimi di fine febbraio a 42.000/43.000, in corrispondenza del 38,% di retracement del segmento rialzista partito a dicembre.

Come minare Bitcoin

Per realizzare la "mod" (la modifica) del palmare progettato da Nintendo è stato necessario utilizzare un Raspberry Pi Pico, una board economica, che viene utilizzato come connettore tra il Game Boy e un computer host. Per creare il collegamento, Stacksmashing  ha dovuto anche modificare il Nintendo Game Link Cable (il cavo utilizzato per collegare più Game Boy e giocare in multiplayer).

Tuttavia il Raspberry Pi Pico e il Link Cable richiedono tensioni differenti, con la board che opera a 3,3V, mentre il cavo necessita di 5V, rendendo necessario l'utilizzo di un convertitore a quattro canali per permettere ai due dispositivi di funzionare insieme. In questo modo il Raspberry è stato collegato a un PC connettendosi a Internet e permettendo l'invio del carico verso la console.

Mining: processori a confronto

Il processore del Game Boy utilizzato per il mining di Bitcoin è uno Sharp LR35902 a 8 bit con frequenza di 4,19 MHz. Le operazioni descritte sopra hanno permesso di raggiungere 0,8 hash al secondo, un risultato poco incoraggiante se paragonato ai risultati ottenuti dagli ASIC progettati specificatamente per il mining, capaci di toccare 100 terahash al secondo. Per fare un confronto, per ottenere un singolo Bitcoin con il Game Boy si dovrebbero attendere miliardi di anni, probabilmente ben oltre la fine del pianeta Terra.

In ogni caso il risultato ottenuto da Stacksmashing  è strabiliante per essere basato su una console che arriva dal 1989. Forse non diventerà ricco in Bitcoin ma avrà senz'altro successo come YouTuber.

(Claudia Cervi)