El Salvador dopo essere diventato il primo paese al mondo ad aver dato corso legale ad una criptovaluta, il Bitcoin, costruirà a breve la prima Bitcoin City

Il primo fan della criptovaluta, il Presidente di El Salvador, Nayib Bukele ha affermato che la costruzione della "Bitcoin City" sarà finanziata dalle obbligazioni bitcoin. El Salvador continua dunque a scommettere tutto sulla criptovaluta, come attrazione per gli investimenti stranieri.

Secondo Bukele i finanziamenti riguardanti la costruzione di Bitcoin City, inizieranno nel 2022, e anche le obbligazioni da acquistare inizieranno nel 2022.

Secondo il Presidente, la città verrà costruita nell'est del paese. La fornitura di energia della città deriverà da un vulcano lì vicino, grazie all'energia geotermica. Nella Bitcoin City non si pagherà alcuna tassa se non l'Iva.

Come sarà finanziata la costruzione della Bitcoin City?

Il presidente Bukele ha dichiarato avanti ieri che il progetto di questa città sarà interamente finanziata da obbligazioni garantite da bitcoin. L'obbiettivo del presidente è utilizzare ancora le criptovalute per incoraggiare gli investimenti nel suo paese. 

Durante la cerimonia di annuncio di Bitcoin City, Bukele in inglese ha dichiarato dinanzi alle telecamere: "Investi qui e guadagna tutti i soldi che vuoi!, È una città completamente ecologica che funziona perché alimentata dai vulcani".

L'unica tassa che sarà applicata nella Bitcoin City, secondo Bukele, sarà l'Iva e metà di questa tassa riscossa sarà utilizzata dal governo per ri-finanziare le obbligazioni emesse e garantite da bitcoin, l'altra metà servirà per garantire servizi essenziali come la raccolta differenziata dei rifiuti. 

Secondo il Presidente Bukele, la Bitcoin City costerà circa 300.000 bitcoin. Bukele è un fan sfegatato dei Bitcoin, anche se molti cittadini non condividono lo stesso suo amore e la stessa sua fiducia per la criptovaluta.  

Ma come sarà nella realtà Bitcoin City?

Secondo il Presidente Bukele, la Bitcoin City sarà una città completa con aeroporti, aree residenziali e commerciali e caratterizzato da una piazza centrale che, dall'alto, assomiglierà proprio ad un Bitcoin.

Le obbligazioni verranno emesse all'inizio del 2022, ha dichiarato il Presidente.

Samson Mow, chief strategy officer che le obbligazioni saranno emesse "a dieci anni", si chiameranno obbligazioni vulcano e varranno $ 1 miliardo, sostenute proprio dai bitcoin. La loro cedola sarà del 6,5 %. 

Secondo Mow, in questo modo la criptovaluta continuerà a salire di valore e questo potrebbe far diventare El Salvador il centro finanziario del mondo.  

Il Governo sta redigendo una lista di broker che potranno operare lo scambio. All'inizio la concessione sarà data solo a Crypto Investment Bitfinex.

Sessanta giorni dopo aver venduto le obbligazioni e aver raccolto il denaro necessario, inizierà la costruzione di Bitcoin City.

La città verrà costruita vicino al vulcano Conchagua per sfruttare l'energia geotermica per alimentare sia la città che il mining di Bitcoin, che necessità, come ormai sappiamo, di complessi calcoli matematici giorno e notte per verificare le transazioni valutarie.

Il governo sta già gestendo un'impresa pilota di mining di Bitcoin in un'altra centrale geotermica accanto al vulcano Tecapa.

L'obiettivo del Governo è chiaro: attirare investitori stranieri sul proprio territorio.

In Bitcoin City non si pagherà alcuna tassa!

In Bitcoin City oltre all'Iva, non ci saranno tasse sulla proprietà, sul reddito, comunali, e ci sarà zero emissione di anidride carbonica.  Verranno costruite aree residenziali, centri commerciali, ristoranti e un porto. Il trasporto pubblico sarà ecologico e a scuola si insegnerà "educazione digitale". 

"Investi qui e guadagna tutti i soldi che vuoi", è questo il motto di Bukele. Il governo di El Salvador ha deciso di finanziare l'economia con Bitcoin con un fondo di 150 milioni di dollari. E per incoraggiare i cittadini ad utilizzare i bitcoin piuttosto che i dollari americani, il governo sta offrendo 30 dollari di credito a coloro che aprono un portafoglio digitale.

Coloro che sono critici rispetto a quest'uso della criptovaluta, temono un aumento delle attività criminali, delinquenziali, di truffa e di frode nel paese, a causa della criptovaluta e della sua privacy e protezione dell'anonimato. Questo rappresenterebbe un rischio serio per tutto il paese e per coloro che detengono la moneta. 

Ma il Presidente Bukele è convinto che quest'uso di Bitcoin attirerà investimenti stranieri in El Salvador e renderà molto meno costose le rimesse, ovvero i soldi che i salvadoregni inviano all'estero alle loro famiglie.

La preoccupazione tra gli analisti cresce, mentre le convinzioni di successo del Presidente si consolidano sempre più.  

Gli elettori, tramite le ultime elezioni, hanno dato il controllo del congresso al partito di Bukele, all'inizio di quest'anno. Il nuovo congresso ha immediatamente sostituito i membri della camera costituzionale della Corte suprema e il procuratore generale, con esponenti appartenenti al partito del Presidente. 

Il governo degli Stati Uniti in risposta ha detto che sposterà i suoi aiuti dalle agenzie governative alle organizzazioni della società civile. 

Come è iniziata questa nuova settimana per i Bitcoin?

I Bitcoin hanno iniziato in modo deludente questa nuova settimana. Dopo un fine settimana promettente, che ha visto la criptovaluta rialzarsi a 60 mila dollari, è di nuovo sceso al di sotto dei 57 mila dollari e il suo slancio sul mercato delle criptovalute sta calando sempre di più.

Tra i trader i pareri sono molti diversi; c'è chi pensa che i bitcoin potranno raggiungere prezzi altissimi entro la fine di novembre, chi invece ritiene che per avere questi effetti rialzisiti ci sia bisogno di molto più tempo. 

Insomma la chiusura del mercato dei Bitcoin di novembre potrebbe essere snervante, ma allo stesso tempo interessante per i trader e gli investitori. 

Come ci conferma Cointelegraph Bitcoin dopo aver toccato i minimi per cinque settimane di fila, di circa 55 mila dollari, è riuscito in questo fine settimana a raggiungere anche i  60.000 dollari.

Oggi, però, è già sceso a 57.000 dollari. Novembre per il bitcoin non è stato un mese positivo e ha fornito rendimenti negativi del -6,5% per gli hodler. Si pensi solo che a novembre del 2020 il Bitcoin salì del 43%! Pensate che differenza!

La flessione di domenica è comunque riuscita a colmare l'ultimo gap di futures CME creato venerdì, e secondo l'analista Crypto Ed, questo potrebbe aumentare le probabilità di un nuovo rialzo nella nuova settimana.

Nonostante tutta la frustrazione di un crollo di Bitcoin proprio quando è meno gradito, non tutti sono sorpresi o preoccupati.

Molti trader non stanno puntando su tempi brevi, ma sui tempi medio-lunghi, perché supportano una tesi rialzista che possa verificarsi durante questa settimana.  

Il valore dei Bitcoin influenza il mercato di tutte le criptovalute

Che ci piaccia o no, i grandi movimenti del prezzo di Bitcoin influenzano i mercati delle criptovalute.

Quando Bitcoin è scivolato a 55.000 dollari la scorsa settimana, ha trascinato con sé la maggior parte delle altcoin, dopo sei settimane consecutive di crescita ininterrotta del mercato delle criptovalute.

Ma non appena il mercato diventa rosso, i trader soccombono all'incertezza, al dubbio e alla paura. 

I trader esperti, però, sanno che anche questi periodi di crollo e di calo possono avere margini di profitto. Le altcoin, per esempio, possono aumentare per un numero infinito di motivi, spesso semplicemente a causa di un contesto macro favorevole o di un'esuberanza improvvisa che prende il sopravvento sul mercato.

Quando il mercato va giù, i token supportati da una solida attività di trading hanno maggiori probabilità di invertire la tendenza.

Questi sono anche i momenti in cui i trader hanno bisogno di analisi dei dati affidabili per adattare maggiormente le loro strategie e stabilire quali possono essere potenziali rifugi sicuri

Insomma i trader di criptovalute più intelligenti riescono a trasformare i cali di Bitcoin in opportunità di acquisto e di guadagno.