La narrativa comune che è spuntata nello spazio crittografico è che il Bitcoin (BTC), già da qualche mese a questa parte, stia semplicemente seguendo la dinamica dei prezzi del mercato azionario

Bitcoin attività rischiosa tanto quanto le azioni

Questo è quanto, tra l'altro, riporta Nick Chong, sul sito bitcoinist.com, citando la recente view di JP Morgan. Il colosso bancario americano, nel giugno scorso, ha infatti messo in evidenza come, dopo il crollo di marzo 2020, il Bitcoin (BTC) ed in generale le criptovalute si siano comportate come attività rischiose come le azioni, registrando così un cambiamento significativo rispetto ai precedenti due anni

Nasdaq-Bitcoin, perché la correlazione azioni-criptovalute è da paura

Questa correlazione è stata osservata pure da alcuni tori sul Bitcoin (BTC). Per esempio, l'asset manager Charles Edwards ha pubblicato un grafico con cui mostra che quando vi è un'elevata volatilità delle azioni, BTC negozia in parallelo con loro. In altre parole tra Nasdaq e Bitcoin c'è una correlazione azioni-criptovalute da paura in quanto, se l'indice americano dei titoli tecnologici dovesse crollare, allora probabilmente la caduta potrebbe andare di nuovo ad interessare pure l'oro digitale.

Le aspettative di inversione sul mercato azionario americano

Le aspettative di un'inversione per il mercato azionario, che a Wall Street si sta riavvicinando ai massimi storici, nonostante la pandemia e la recessione economica, sono state confermate dal famoso economista A. Gary Shilling che, in una recente intervista alla CNBC ha dichiarato tra l'altro che ...

'Le azioni si comportano in modo molto simile a quel rimbalzo del 1929, con la convinzione assoluta che il virus sia sotto controllo e che i massicci stimoli monetari e fiscali rinvigoriranno l'economia'.