Solo nell’ultima settimana il token di PancakeSwap ha registrato un +207%, in aggiunta ad un vero e proprio record di transazioni sulla Binance Smart Chain. Se vi state chiedendo di cosa stiamo parlando continuate a leggere: scoprirete un nuovo mondo di pensare ai soldi, a Bitcoin, a Ethereum, e soprattutto alla Blockchain.

 

Come avrete capito non stiamo parlando di dolci, ma restiamo in tema fintech perché siamo di fronte ad una tipica alternativa low cost per la finanza decentralizzata, acr. DeFi, e Smart Contract, ma procediamo con ordine e partiamo da zero.

Prima di iniziare, ricordiamo che questo contenuto non vuole rappresentare in alcun modo un invito all’investimento, ma soltanto un approfondimento informativo che l’utente è in grado di utilizzare come crede nella formulazione delle sue decisioni di un eventuale ingresso a mercato. 

PancakeSwap: massima resa minima spesa

Il mistero s’infittisce intorno al team creativo di PancakeSwap, un gruppo di studiosi, o forse solo uno, che ha voluto puntare dritto a fatti colorati e corposi. Soltanto a digitare il nome dell’applicazione che gira sulla piattaforma ufficiale AMM, acr. Automated Market Maker, appaiono infatti torte colorate, frittelle, ciambelle e ovviamente tanti pancake: sembra quasi che qualcuno voglia dirci, senza troppo parafrasare “Diventa ghiotto di possibilità, fanne scorta anche tu!”.  

A dire il vero c’è un fondo di verità in questo mantra invisibile: grazie a questo progetto, si possono ottenere importanti ritorni in poco tempo.  PancakeSwap è lo strumento adatto per chi desidera “massima resa e minima spesa” da uno stake.

Il tutto è condito da un’interfaccia di gaming, sembra quasi che si stia giocando ad una farm virtuale, per poi scoprire che i gettoni d’oro sono soldi veri. Ma addentriamoci in questo ambiente che sta letteralmente spopolando e cerchiamo di capirci di più. 

Cos’è PancakeSwap e da dove deriva

PancakeSwap è un protocollo di scambio decentralizzato, acr. DEX, che mira a migliorare l’efficienza e le funzionalità della Blockchain di Ethereum. PancakeSwap è un derivato del protocollo originario Uniswap che aveva incrementato per la prima volta le funzionalità di Ethereum, aggiungendo applicazioni innovative per gli utenti che utilizzavano la DeFi. Uniswap è stato progettato per offrire due elementi fondamentali in grado di ampliare le applicazioni cripto:

  • funge da protocollo DEX di scambio decentralizzato per ampliare le funzioni di ETH,
  • funge da protocollo automatizzato di liquidità, acr.  AMM, Automated Market Maker.

PancakeSwap è dunque un protocollo che ridescrive Uniswap e che replica le stesse caratteristiche in esso contenute: programmazione autonoma, trasparenza, immutabilità. 

Uniswap ad oggi è considerato uno dei più grandi sistemi di DeFi fondati su Ethereum e PancakeSwap una delle sue repliche più riuscite.

PancakeSwap e il legame con la Binance Smart Chain 

Per comprendere appieno le funzioni di PancakeSwap e le sue opportunità finanziare, dobbiamo completare il quadro compositivo della tecnologia che lo fa funzionare. L’elemento più caratterizzante di PancakeSwap è sicuramente la sua Blockchain, che non è la classica a cui siamo ormai abituati a pensare, ma è la cd. Binance Smart Chain, acr. BSC.

Per capire di cosa si tratta dobbiamo anzitutto ricordare Binance: il più grande exchange cripto al mondo per volumi di scambio. Come si legge dallo stesso sito di Binance Academy, Binance Smart Chain ha l'obiettivo di cambiare le cose, può essere considerata una nuova blockchain, più completa e maggiormente in grado di sviluppare potenti applicazioni decentralizzate. 

Binance Smart Chain nasce dopo il lancio di Binance Chain, nel 2019, avente l’obiettivo di rendere il trading più veloce e decentralizzato. Binance Chain, basata sull’architettura classica di Blockchain, presenta alcune limitazioni pertanto non è ottimizzata per l’introduzione di smart contract.

Questo limite però non ha arrestato l’idea di renderla più scalabile: è da questo intento che nasce Binance Smart Chain. 

Binance descrive il sistema Binance Smart Chain come segue:

“Binance Smart Chain (BSC) può essere descritta come una blockchain operativa in parallelo a Binance Chain. A differenza di quest'ultima, BSC offre funzionalità smart contract e compatibilità con la Ethereum Virtual Machine (EVM). L'obiettivo di progettazione era lasciare intatte le capacità elevate di Binance Chain e al tempo stesso introdurre gli smart contract nel suo ecosistema. 

In sostanza, entrambe le blockchain operano fianco a fianco.”

Le principali funzioni di PancakeSwap

Le funzioni di PancakeSwap sono diverse, la principale è quella di rappresentare un vero e proprio fornitore di liquidità. Tra le altre opzioni funzionali vi rientra quella di guida dei volumi di scambio, interfaccia principale per gli utenti e reggente delle tariffe che governano il sistema BSC.

Alcuni concetti descritti in questo contenuto potrebbero sembrare ostici, ma con la dovuta cautela è possibile inquadrare il corretto significato di ognuno e incastrarlo nel sistema inteso nel suo complesso. PancakeSwap gestisce tutti gli scambi decentralizzati che utilizzano il modello AMM e avvengono con il token Cake BEP20.

Infine, applica il programma di Gamification che gli conferisce un aspetto unico rispetto a tutti gli altri competitor sul mercato. Per partecipare ai rendimenti gli utenti devono dunque “giocare”, in un ambiente divertente e ricco di colori. 

Cosa si può fare con PancakeSwap

Su PancakeSwap si possono fare diverse cose: scambiare token, coltivare raccolti nella farm virtuale, partecipare allo Staking Pools, partecipare alla lotteria, votare e suggerire le proprie idee nella community per migliorare il progetto, avviare Initial Farm Offering. Analizziamo i primi tre più da vicino.

Lo scambio di token. Gli utenti che partecipano a PancakeSwap possono scambiarsi ordini tra di loro, ma la liquidità corrispondente alle transazioni non sarà diretta. 

A scambio avvenuto, la liquidità viene fornita da fornitori di liquidità ("LP") i quali scambieranno i token traslati con altri token FLIP. Questi ultimi possono essere portati nelle fattorie e ricevere CAKE. Le transazioni registrate sono molto veloci e abbastanza fluide. Le commissioni applicate non superano lo 0,2%. 

La raccolta nella farm. Chi decide di partecipare alla coltivazione dei raccolti potrà ottenere delle ricompense interessanti, che raggiungono anche il 290% annuo. Pancake, attualmente, ha circa 27 pool di liquidità che ti consentono di scambiare token FLIP e ottenere CAKE. La ricompensa per pool dipenderà dal numero di depositanti e dalla ricompensa prevista. La regola generale dice che circa il 60% delle ricompense di ogni blocco giornaliero, corrispondente più o meno a 15 torte, verrà distribuito agli agricoltori. 

La partecipazione allo Staking Pools. Lo Staking Pools è un servizio che consente ai nuovi progetti degli utenti di essere promossi dalla comunità di PancakeSwap che vi partecipa distribuendo una parte dei loro token al titolare di CAKE.

Gli Staking Pool possono essere di due tipi: Nucleo, il progetto sarà selezionato dal team di PancakeSwap e avrà visibilità grazie al fatto di aver superato le supervisioni iniziali; Comunità, il progetto è votato dalla comunità e viene scelto sulla base delle preferenze del pubblico di PancakeSwap. Si tratta di due strumenti che riflettono la piena approvazione del progetto proposto, in entrambe le soluzioni. Una volta lanciato, la comunità vi può prendere parte con i propri token. 

Cosa sapere prima di utilizzare PancakeSwap

Per utilizzare questa piattaforma è bene conoscere alcuni concetti e approfondirli a dovere, per non incappare in errori che possano depauperare il nostro deposito. Anzitutto, è bene conoscere e saper utilizzare MetaMask Wallet o altri portafogli non custodial. Per poter utilizzare PancakeSwap è necessario configurare un portafoglio non custodial. Se l’utente non conosce neanche la definizione di questo prodotto non avrà facile accesso a questa applicazione.

Si consiglia inoltre di familiarizzare bene anche con le caratteristiche di Binance e degli altri exchange decentralizzati, che sono diversi dai classici exchange come Coinbase e altri nomi che circolano spesso in rete. Altro elemento basico per sfruttare pienamente PancakeSwap è Uniswap: si rende necessario conoscerlo e averci operato almeno nelle funzioni principali prima di approdare a questo prodotto.

Per ragioni di estensione redazionale non possiamo spiegare tutto in un unico articolo, ma si possono trovare interessanti approfondimenti sul web. Non abbiate fretta, prendetevi il tempo che vi serve per sentirvi sicuri, prima di approdare in applicazioni come questa. Si tratta di novità che stanno prendendo piede proprio in questi ultimi mesi, pertanto si è abbondantemente in tempo per farne parte.

Abbiate la cura di approfondire bene ogni singolo aspetto, senza trascurare nulla. Del resto, il mondo delle criptovalute richiede un cambio di prospettiva, la voglia di imparare a guardare cose che conosciamo da sempre con occhi nuovi, affidandoci alle novità dei nostri tempi. Sganciarci dalle nostre certezze è il primo passo da fare, per abbracciare un' evoluzione che è già intorno a noi. Il resto poi verrà da sé. 

PancakeSwap è sicuro?

La sicurezza di questa applicazione decentralizzata è strettamente correlata alle capacità conoscitive dell’utente in relazione alle tematiche trattate. Trattandosi di un’app che si presta per la sottoscrizione di Smart Contract, potrebbe anche andare incontro a falle tecniche di sistema che potrebbero comprometterne la sicurezza dei contenuti, ma il costante controllo di Certik sull’intero ecosistema garantisce una bassa percentuale di rischio.

Con regolarità viene fornito all’utenza un report che mostra eventuali eventi problematici su cui il team tecnico è intervenuto, e se e come è stato risolto. Questo permette di restare sempre aggiornati sugli interventi effettuati sul codice dell’applicazione. Alla luce di queste osservazioni, PancakeSwap sembra abbastanza sicuro.