Il mercato si sta sviluppando in modo sempre più frenetico intorno ai Bitcoin e alle cripto in generale, con una maggiore quantità d'exchange che sbucano fuori dal nulla e permettono agli utenti d'acquistarle in totale sicurezza.

Questo è il caso di Crypto.Com, un'app che sta iniziando a occupare il suo spazio in questo mondo grazie a tante ottime qualità, buone iniziative e una campagna di marketing davvero aggressiva.

In tutto questo i nuovi utenti che vogliono tuffarsi nel mondo delle valute digitali possono trovare in quest'app una valida alleata, la quale unisce una grande semplicità d'uso e caratteristiche di prim'ordine.

Sebbene però la curva d'apprendimento non sia troppo ripida, chi non ha mai visto grafici ed è poco affine a questo mondo potrebbe trovarsi in seria difficoltà nel muovere i primi passi qui sopra.

Per questa ragione un buon tutorial con spiegazioni dettagliate delle varie funzioni può abbattere ogni genere d'ostacolo per il novizio che vuole investire i suoi averi in Bitcoin.

Anche se questo è solamente uno dei tanti exchange validissimi nel panorama odierno, è sempre bene informarsi prima di lanciarsi a capofitto trasferendo somme ingenti, poiché esistono anche delle truffe dalle quali è facile tenersi alla larga con un minimo d'informazione.

In questo video The Crypto Gateway, uno dei più importanti divulgatori di notizie a tema cripto dell'intero panorama italiano, soiega i vantaggi della carta di Crypto.Com, cercando di calcolare quanto siano gli effettivi guadagni che derivano dal suo utilizzo nella vita quotidiana. 

Come iniziare a usare Crypto.Com

Crypto.Com è molte cose differenti ed è divisa in altrettanti luoghi dove utilizzare specifiche funzioni ma, nel caso si desideri investire in Bitcoin o altre criptovalute, il modo migliore per farlo è quello di scaricare l'app per Android e iOS.

La si può facilmente reperire sullo store, cliccando sul bottone installa e ritrovandosela poi dopo pochi secondi tra l'elenco delle applicazioni disponibili sul telefono.

Da qui l'operatività non è ancora possibile in quanto, per evitare giri di denaro sporco e riciclaggio, al fine di comprare cripto si deve completare un operazione detta KYC o know your costumer, praticamente la registrazione delle generalità del cliente.

Per cominciare occorre fornire i classici dati anagrafici, seguiti da quelli legati alla residenza per poi passare a una foto del documento d'identità che possa comprovare che è stato detto il vero.

In ultimo, attraverso l'app verranno anche registrati i dati biometrici del soggetto, al fine di garantire un livello di sicurezza ancora maggiore.

Tutte queste operazioni possono sembrare un po' eccessive e spaventare chi non è avvezzo a tali pratiche, ma sono assolutamente necessarie per poter mantenere la piattaforma al sicuro da attività illecite e per ottenere il permesso di fornire i servizi nei vari stati.

Arrivati fin qui, non occorre far altro che aspettare di ricevere la conferma dell'avvenuta registrazione dall'app stessa e iniziare a investire.

Come comprare criptovalute su Crypto.Com

Una volta terminati i passaggi di registrazione, Crypto.Com pone l'utente di fronte alla sua schermata principale dalla quale si possono vedere percentuali di guadagno o perdita di alcune delle cripto più famose.

Se non si ha ben chiaro in quale valuta investire (molto male perché si rischia di andare incontro a pessime scelte) si può girovagare in cerca d'informazioni tra i vari nomi.

Cliccando su ognuno di essi si aprirà un menù con un grafico in tempo reale in bella vista e, scrollando più in basso, una serie di nozioni utili legate alla moneta dalle quali carpirne i fondamentali e gli scopi.

Più in basso si trovano anche due bottoni, uno dei quali da accesso ai dati sugli scambi della valuta attraverso i vari mercati e l'altro fornisce una serie di link utili per effettuare ricerche più approfondite.

Una volta scelta la criptomoneta nella quale investire, è tempo di procedere all'acquisto eseguibile in diversi modi quali carta di credito, bonifico SEPA e con lo scambio da altre cripto.

Per chi si affaccia solo ora a questo mondo sicuramente la terza opzione sarà poco utile, quindi è lecito concentrarsi sulle altre due.

Tramite carta l'intero processo si svolgerà in modo molto simile a quello per gli acquisti online, dove non occorre far altro che inserire i dati e procedere.

Se però si compra per la prima volta sarà necessario fare qualche operazione in più in quanto necessario prima registrare la carta e, solo in seguito, utilizzarla per fare shopping.

Entrambe le procedure sono molto simili, infatti sembrerà di aver fatto lo stesso procedimento due volte in modo del tutto inutile, ma una volta finito la carta resterà salvata e utilizzabile per altri acquisti in pochissimi click.

Per usare il bonifico invece occorre scegliere la voce più a destra del menù di pagamento, quella che riporta la dicitura FIAT che sarebbero le classiche valute analogiche.

A questo punto occorrerà selezionare gli Euro come conio e si avrà accesso ai dati essenziali per effettuare il bonifico, i quali potranno anche essere inviati tramite email.

Altre funzioni di Crypto.Com

Le sorprese però non sono finite qui in quanto si ha la possibilità d'accedere ad alcune altre chicche che possono davvero far gola a tutti coloro che desiderano investire in Bitcoin.

Nella fattispecie la funzione cripto earn è davvero molto interessante, in quanto permette di avere delle percentuali fisse di rendita su un numero molto ampio di valute digitali.

Se si prende Bitcoin ad esempio, basterà depositare i propri fondi nella sezione earn e bloccarli per il periodo di tempo selezionato per ottenere il 4,5% di rendita fissa annuale.

Questo nel caso si sia utenti generici che non hanno interesse a detenere e mettere in staking il token nativo della piattaforma, CRO.

Se invece si crede nel futuro di Crypto.Com, allora si potrebbe pensare di comprare e mettere a rendita i suoi token, diventando utenti "premium" e avendo quindi accesso a dei rendimenti superiori.

Con un investimento di circa 400 Euro in CRO il rendimento generale del programma earn si alza, portando un incremento che fa passare (ad esempio) Btc da 4,5% a 6,5% annuo.

Da sottolineare poi che si può richiedere anche la carta Visa legata al conto che si crea sulla piattaforma, dalla quale prelevare e pagare come con qualsiasi altra tipica delle banche.

Il bello di questa carta sta nel fatto che dia accesso a un cashback sugli acquisti che può arrivare anche al 5% su ogni spesa, cifra che verrà rimborsata direttamente in criptovalute.

Oltre a questo si potranno avere rimborsi totali su abbonamento Netflix, Spotify e un 10% di cashback sulle spese fatte tramite il sito di AirBnb.

Per avere tutto questo il "prezzo" da pagare è molto alto, in quanto è richiesto uno staking di ben 400.000 Euro di CRO, ma se si crede nel progetto e si è abbastanza facoltosi potrebbe avere un senso.

Se invece si hanno budget molto più ristretti, va detto che il programma carta/cashback è disponibile anche per chi non ha intenzione di mettere un solo Euro in CRO, ma ovviamente la percentuale sarà molto più bassa.

Altri prodotti e progetti Crypto.Com

Crypto.Com non si ferma qui e da accesso anche a moltissime altre piattaforme a lei direttamente connessa, non solo l'app per investire in criptovalute.

Per coloro che vogliono cimentarsi nel trading, esiste anche la versione Crypto Exchange accessibile solo da pagina web, dove vengono messi a disposizione una serie di strumenti molto più avanzati per tutti i professionisti del settore.

Le dinamiche per poterla utilizzare sono più o meno le stesse, l'unica vera differenza è che è meglio avere un PC piuttosto che uno smartphone per gestire i vari aspetti.

Se invece si vuole accedere allo sconfinato mondo della De-Fi, Crypto.Com ha creato anche il suo personale wallet che permette di essere utilizzato come qualsiasi altro portafogli cripto.

In ultimo va poi segnalato il grande sforzo economico che la piattaforma sta facendo per ottenere maggior risalto, con partnership davvero di prim'ordine che porteranno il suo nome sulla bocca di molte persone.

Per prima cosa Crypto.Com è diventato partnership ufficiale della Serie A italiana, con il suo logo che compare praticamente ovunque.

Oltre a questo ha anche stretto un accordo per apparire sulla livrea della Aston Martin di Formula 1, la macchina guidata dal cinque volte campione del mondo Sebastan Vettel.

In ultimo sta anche per arrivare la blockchain nativa di C.C., sulla quale verranno sicuramente lanciati moltissimi progetti di De-Fi con rendimenti molto ghiotti.

I difetti di Crypto.Com

Crypto.Com, benché sia molto valida non può non presentare qualche difetto e mancanza se paragonata ad altri nomi del settore, ma c'è da dire che sta lavorando sodo per appianarli.

Il primo è sicuramente il fatto che l'app, seppur migliorata nel tempo, sia ancora abbastanza scarna e priva di quegli strumenti basilari per la compravendita e il trading anche per chi non ha esigenze professionali.

Certamente l'esistenza del Crypto Exchange mette una piccola pezza a questa mancanza, ma se si guarda altrove si noterà che ci sono alternative che offrono un pacchetto tutto in uno molto più comodo e funzionale.

Il secondo problema deriva dal fatto che i costi per le transazioni e lo spread (differenza tra valore di mercato e prezzo reale di vendita/acquisto) sia ancora troppo elevato e comporti esborsi non proprio piacevoli.

Pensare di scambiare la propria criptovaluta a una cifra e ritrovarsi con una quantità finale di fondi inferiore a quanto ipotizzato non è accettabile, specialmente se altrove questo non accade.

In ultimo è doveroso dire che i token listati qui non sono in numero paragonabile a quelli che si hanno su altre piattaforme, anche se questo divario si va via via appianando.

Se si vuole investire solo nelle maggiori monete o su quelle della rete ERC-20 allora le cose non vanno tanto male, ma se si è alla ricerca di qualcosa più di nicchia difficilmente lo si troverà qui.