Bonus bollette 2024, non serve la domanda: ecco come inviare i dati all'INPS

Si può ottenere il bonus bollette 2024 senza presentare la domanda? La risposta è sì; è l'INPS a occuparsi dell'invio dei dati ad Arera: ecco cosa controllare.

bonus bollette senza domanda

Il bonus bollette 2024 torna alle origini e cambia i requisiti di accesso per le famiglie: ciò che resta invariato sono le modalità per ottenere lo sconto. Infatti, il bonus bollette viene riconosciuto in automatico alle famiglie che ne hanno diritto senza bisogno di presentare la domanda.

Attenzione però ai dati comunicati dall'INPS ad Arera: ecco cosa controllare per avere il bonus bollette 2024.

Bonus bollette 2024 senza domanda: come averlo

Torna il bonus bollette 2024, cambiamo i requisiti di accesso all'agevolazione ma resta ferma la possibilità di avere gli sconti sulle utenze senza presentare la domanda.

Basta infatti uno scambio di dati tra INPS e Arera per ricevere l'accredito del bonus bollette, ma bisogna fare attenzione ad alcune cose.

Le famiglie che hanno diritto all'agevolazione vengono riconosciuti in automatico dall'INPS, solo previa presentazione della DSU ai fini del calcolo dell'ISEE. L'unica cosa che devono fare le famiglie per ottenere il bonus bollette 2024, quindi, è richiedere l'ISEE.

A partire da gennaio 2024, inoltre, il Governo ha deciso di limitare gli sconti su luce, gas e acqua solo alle famiglie con maggiori difficoltà economiche, abbassando la soglia ISEE per accedere al beneficio.

Bonus bollette 2024: i nuovi requisiti ISEE

Nel dettaglio, sono cambiati i requisiti di accesso al bonus bollette 2024 che spetta ora solo ai nuclei familiari che possiedono questi redditi:

  • ISEE fino a 9.530 euro (nel 2023 la soglia era stata innalzata a 15.000 euro);

  • ISEE fino a 20.000 se all'interno del nucleo vi sono almeno 4 figli a carico.

Restano ferme le condizioni per le quali è necessario essere proprietari di una fornitura di luce, acqua o gas per poter ottenere il bonus.

Confermato anche il bonus elettrico per disagio fisico, che spetta esclusivamente ai soggetti che necessitano dell'utilizzo di strumenti ad alimentazione elettrica per lo svolgimento delle principali funzioni vitali.

Per questa tipologia di beneficio è richiesta la domanda corredata di tutta la documentazione attestante le proprie condizioni fisiche.

Bonus bollette, come verificare i dati INPS

Come abbiamo visto, il bonus bollette viene riconosciuto in automatico alle famiglie che ne hanno diritto in base ai nuovi limiti ISEE, ma per verificare i dati è opportuno accedere alla propria area riservata sul sito web dell'INPS.

Bastano pochi passaggi per verificare la correttezza dei dati e ottenere il bonus:

  • effettuare l'accesso all'area riservata con le proprie credenziali Spid Cie o Cns;

  • cliccare sulla voce "Cerca le tue dichiarazioni", che si trova in alto a destra;

  • dopo aver inserito il proprio codice fiscale, premere su "Cerca" e poi, nella parte destra dello schermo, su "Cerca DSU bonus sociale";

  • a questo punto verranno visualizzate tutte le Dsu (Dichiarazione Sostitutiva Unica) inviate da INPS ad Arera per l'accredito del bonus sociale.

Bonus bollette 2024: gli sconti su luce e gas

Grazie al bonus bollette 2024 è possibile ottenere uno sconto sulle utenze di luce, acqua e gas per importi variabili in base alla composizione del nucleo familiare e/o in base alla zona geografica di residenza.

A breve Arera pubblicherà gli importi dei bonus sociali per le famiglie che ne hanno diritto.