Bonus mamma, ottime notizie sugli arretrati: ecco quando arriva in busta paga

Anche se già partito il bonus mamma non è ancora stato attribuito alle aventi diritto: ecco quando arriva e quando verranno corrisposti gli arretrati.

Finalmente partito, il bonus mamma 2024 è una misura dedicata alle madri lavoratrici con figli (di cui almeno uno minorenne) a carico. In sostanza, si tratta di uno sgravio contributivo, che però non è stato ancora erogato, nonostante sia previsto a partire da gennaio 2024. Quando arriva il bonus mamma, e quando verranno accreditati gli arretrati, dunque?

Se lo stanno domandando le donne lavoratrici che, nel rispetto dei requisiti, hanno diritto alla misura.

E ci sono novità in merito agli accrediti, che per fortuna dovrebbero avvenire a breve. Scopriamo insieme non sono quando arriva finalmente il bonus mamma con i relativi arretrati, ma anche come funziona la misura nei dettagli.

Bonus mamma arretrati, quando arriva l’erogazione

Per quanto riguarda l’erogazione del bonus mamma, arretrati compresi, abbiamo ottime notizie per le madri lavoratrici: l’accredito è infatti in arrivo.

Stando alle ultime informazioni in nostro possesso, infatti, la nuova agevolazione verrà corrisposta a partire dal corrente mese di febbraio 2024.

Attenzione, però: questo non significa che l’accredito avverrà entro questo mese per tutti. Essendo infatti erogato sugli stipendi di febbraio, quando previsto verrà ricevuto entro la fine del mese corrente.

In alcuni casi, però, se le competenze relative alla busta di febbraio 2024 verranno accreditate a inizio marzo, allora sarà a marzo che le interessate riceveranno l’accredito del bonus mamma.

Insieme all’accredito relativo al mese corrente, tra l’altro, è in arrivo anche quello degli arretrati.

Il bonus mamma è infatti ufficialmente attivo dal mese di gennaio: il primo accredito prevede quindi anche il conguaglio riferito al mese di gennaio 2024.

È ovvio che gli arretrati relativi al mese di gennaio 2024 arriveranno solamente per le madri che, già durante quel mese, erano in possesso dei requisiti normativi previsti per ottenere lo sgravio.

Nel caso in cui un figlio sia nato a febbraio o nasca durante l’anno corrente, invece, l’agevolazione verrà corrisposta a partire dal mese di nascita del bambino.

 

Leggi anche: Bonus trasporti, nel 2024 arriverà su Carta Dedicata a Te: ecco cosa cambia e a chi spetta

Bonus mamma e arretrati: chi ne ha diritto

Come detto, l’arrivo del bonus mamma e degli arretrati non spetterà a tutte le lavoratrici, ma solamente a coloro che rispetteranno i requisiti previsti.

Per poter ottenere lo sgravio, infatti, è necessario aere a carico almeno due figli, di cui almeno uno dei due deve essere minorenne e avere meno di dieci anni. Tale requisito vale solamente per l’anno 2024, che rappresenta un anno di sperimentazione. A partire dal 2025, il numero dei figli a carico verrà innalzato a tre, salvo modifiche non ancora annunciate.

Tuttavia, a partire dal 2025 e quando sarà necessario avere a carico almeno tre figli, l’età massima del figlio più piccolo verrà innalzata a 18 anni.

Come detto, nel caso di nascita del secondo figlio durante il 2024, poi, l’agevolazione verrà corrisposta in busta paga solamente a partire dal mese di nascita del bambino.

Potranno accedere al bonus solamente le lavoratrici dipendenti, indipendentemente dal settore, pubblico o privato, per il quale lavorano.

È però necessario possedere un contratto di lavoro a tempo indeterminato per avere diritto al bonus mamma.

L’agevolazione non spetta alle libere professioniste, a chi ha un contratto a tempo indeterminato, alle madri disoccupate. Escluse, inoltre, le collaboratrici domestiche, anche se assunte a tempo indeterminato.

Come funziona lo sgravio

In merito al funzionamento del bonus mamma e all’attribuzione degli arretrati, l’agevolazione concede uno sgravio contributivo sulla quota IVS, per un massimo di 3.000 euro l’anno.

In sostanza, è possibile ottenere un esonero dai contributi pari ad un massimo di 250 euro al mese, anche se è doveroso sottolineare che per la maggioranza delle lavoratrici non si raggiungeranno tali cifre e lo sgravio sarà inferiore. Lo sgravio viene infatti calcolato considerando il 9,19% della RAL.

 

Leggi anche: Il bonus colonnine elettriche 2024 spiegato in 3 punti: cosa sapere

Alessia Seminara
Alessia Seminara
Copywriter, classe 1991. Versatile, multipotenziale, laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Università degli Studi di Catania, con una seconda laurea in Logopedia, ho una passione per la scrittura e il web copywriting. Entrambe mi hanno portato a concludere la canonica formazione accademica e ad intraprendere un ulteriore percorso di formazione in Seo e Copy Persuasivo. Grazie a vari corsi di formazione ho approfondito le mie conoscenze in ambito Digital Martketing. Negli anni ho stretto diverse collaborazioni come copywriter freelance per seguire variegati progetti.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
776FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate