Tutto sul bonus prima casa per under 36: requisiti, come funziona e quanto si risparmia

Tutto sul bonus prima casa pei i giovani under 36: quanto si risparmia, quali sono le agevolazioni, chi può richiederlo e come fare domanda.

Image

Hai intenzione di acquistare una casa? Se hai meno di 36 anni puoi sfruttare una delle agevolazioni governative fino al 31 dicembre 2023.

Grazie al bonus prima casa, i giovani under 36 possono ottenere una serie di agevolazioni sull'acquisto dell'abitazione principale: oltre alla garanzia statale sull'accensione del mutuo, è previsto l'azzeramento di alcune imposte e un'agevolazione sull'Iva.

Cerchiamo di capire quanto si risparmia con il bonus prima casa per i giovani under 36: a chi spetta, quali sono i requisiti per richiederlo e come ottenerlo nel 2023.

Bonus prima casa giovani under 36 confermato per tutto il 2023

Introdotto dal decreto Sostegni bis nel 2021, il bonus prima casa per i giovani under 36 è un'agevolazione confermata fino al 31 dicembre 2023 anche dal Governo Meloni.

L'esecutivo, infatti, ha voluto confermare l'aiuto per i giovani in un periodo particolarmente difficile per il comparto immobiliare. I costi di affitto sono in aumento e con essi anche i prezzi delle case tendono al rialzo; per non parlare dei tassi di interesse sui mutui, che ad oggi sono altissimi.

Per risparmiare sulle spese di acquisto della prima casa, quindi, è stato confermato un bonus per i giovani under 36 che prevedere un mutuo agevolato con garanzia statale fino a un massimo di 250.000 euro.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire quali sono le agevolazioni previste dal bonus prima casa under 36 e a chi si rivolgono.

Bonus prima casa under 36: come funziona e quanto si risparmia

Il pacchetto di agevolazioni previste dal bonus prima casa per under 36 non si limita semplicemente alla garanzia statale all'80% sull'accensione di un mutuo (il cui valore non deve superare i 250.000 euro), ma comprende anche:

  • l'esenzione totale dalla tassazione indiretta prevista al momento dell’acquisto ovvero l'azzeramento delle imposte di registro, ipotecaria e catastale;

  • la possibilità di accesso prioritario al fondo di garanzia per la prima casa istituito dalla legge n. 147/2013;

  • la possibilità di beneficiare di un credito di imposta speciale sull'Iva (qualora sia prevista);

  • l'esenzione dall’imposta sui mutui o finanziamenti contratti per l’acquisto della prima casa. Ciò vale anche nei casi di costruzione oppure ristrutturazione.

In sostanza si possono risparmiare migliaia di euro solo dall'azzeramento delle tre imposte: quella ipotecaria (di importo fisso par a 50 euro), catastale (pari al 2% del prezzo dell'immobile) e di registro (attualmente al 9%).

Ma qual è il risparmio effettivo derivante da questa agevolazione? Facciamo due calcoli nel prossimo paragrafo.

Quanto si risparmia con il bonus prima casa under 36: calcoli ed esempi

Facendo qualche rapido calcolo sull'accensione di un mutuo per l'acquisto della prima casa di proprietà con e senza il bonus under 36 possiamo verificare l'effettiva convenienza di questa agevolazione: quanto si risparmia?

Lo ha spiegato chiaramente Andrea Polo, Direttore Comunicazione di Facile.it:

Oggi per un mutuo a tasso fisso al 100% senza agevolazioni - considerando un finanziamento da 180.000 euro da restituire in 25 anni - i tassi (TAEG) disponibili online partono dal 4,98% con una rata di circa 1.026 euro.

E se invece i giovani volessero sfruttare il bonus prima casa? Se possiedono tutti i requisiti richiesti le giovani coppie possono ottenere per la stessa tipologia di mutuo

tassi online dal 3,75%, corrispondente ad una rata di circa 901 euro.

Come ha sottolineato Polo, sfruttando l'agevolazione governativa il risparmio effettivo è di quasi 130 euro sulla rata mensile "rispetto a chi sottoscrive il medesimo mutuo, ma senza agevolazioni".

Bonus prima casa under 36: a chi spetta? I requisiti

Non ci resta che ricordare quali sono i requisiti utili per accedere al bonus prima casa under 36: riassumiamoli in breve.

In primis, come dice l'agevolazione stessa, il bonus si applica alle giovani coppie con meno di 36 anni che sono intenzionate all'acquisto dell'abitazione principale e non sono in possesso di alcun altro immobile nemmeno in Comuni diversi da quello presso il qual si intende effettuare la compravendita.

Allo stesso modo è richiesta la residenza all'interno del Comune presso il quale si intende acquistare, o eventualmente il trasferimento della stessa entro i 18 mesi successivi all'acquisto.

L'immobile oggetto di acquisto non deve appartenere alle categorie catastali A1, A8, A9 (ovvero immobili di lusso) e il mutuo sottoscritto non può avere un importo superiore a 250.000 euro.

Infine, è stata fissata anche una soglia massima di reddito da rispettare per poter accedere alle agevolazioni per l'acquisto della prima casa: la giovane coppia deve possedere un ISEE non superiore a 40.000 euro.

Bonus prima casa under 36: tutte le agevolazioni previste per i giovani

Riassumiamo, infine, le agevolazioni previste per i giovani che intendono richiedere il bonus prima casa under 36:

  • sconto sull'Iva dal 10% al 4%;

  • azzeramento imposte ipotecaria, catastale e di registro;

  • detrazione Irpef al 19% per l'acquisto presso agenzie immobiliari;

  • credito di imposta per chi vende una casa e fa un acquisto successivo.