Bonus Ascensore e scale 2024, ecco come funziona l’agevolazione

Bonus ascensori e scale 2024 ancora attivo: ecco come funziona l’agevolazione e quali spese sono coperte.

Con l’avvento della manovra finanziaria 2024, tante sono le novità in materia di Bonus: alcuni sono stati confermati altri eliminati altre prorogate fino al 2025.

Tra i tanti riconfermati ci sono anche le agevolazioni per sostituire scale e ascensori anche in condominio oppure montascale.

Si tratta di lavori che rientrano tra quelli relativi all’abbattimento delle barriere architettoniche ma anche agevolabili con il Superbonus e il Bonus Ristrutturazione.

Va detto che ancora per quest’anno è possibile accedere a tali Bonus per poter agevolare tali interventi.

Scopriamo dunque tutti i dettagli delle varie misure.

Bonus Ascensore e scale 2024, ecco come funziona l’agevolazione

Tra gli interventi di natura edilizia più realizzati, ci sono sicuramente la realizzazione e la sostituzione di vecchi impianti di ascensore e l’installazione di montascale in casa ma anche il rifacimento di scale e rampe già esistenti.

Tali interventi rientrano tra i Bonus scale e ascensori 2024. Attenzione perché non si tratta di agevolazioni a se ma sono misure estrapolabili da vari bonus in circolazione come il Bonus ristrutturazione, Superbonus e Bonus Barriere architettoniche.

Il bonus del 75% è anche conosciuto come bonus barriere architettoniche garantisce una  detrazione del 75% delle spese sostenute per la costruzione di ascensori o montacarichi, sostituzione di impianti di automazione di edifici e singole unità immobiliari ma anche spese relative allo smaltimento e alla bonifica dei materiali relativi all’impianto sostituito.

Tale detrazione è da ripartire in 5 rate annuali di pari importo fino ad un massimo di spesa variabile:

questa infatti ha importi differenti da 30.000 a 50.000 euro, a seconda dell’edificio su cui sono eseguiti i lavori.

Inoltre l’Agenzia delle Entrate ha evidenziato quali sono i  i lavori agevolabili e i beneficiari.

Possono beneficiarne:

  • le persone fisiche, ance esercenti arti e professioni;

  • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale;

  • le società semplici;

  • associazioni tra professionisti

    I lavori agevolabili invece:

  • sostituzione di finiture come pavimentiporteinfissi esterni

  • il rifacimento o l’adeguamento di impianti tecnologici tra cui servizi igienici, impianti elettrici, citofonici, impianti di ascensori), di scale ed ascensori, l’inserimento di rampe interne ed esterne agli edifici e di servoscala o di piattaforme elevatrici.

  • le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dei materiali e degli impianti sostituiti.
     

Bonus ascensore e scale tramite Bonus ristrutturazione

Oltre al Bonus barriere architettoniche è possibile accedere per rifare scale e ascensori ancora per il 2024 al Bonus ristrutturazioni che è una detrazione fiscale prevista inizialmente nell’ordinamento italiano dal Dpr 917/86 art. 16bis e successivamente dal D.L. n. 83/2012.

La percentuale di spese detraibili è  del 50% con un massimo di spese ammissibili di 96.000 euro.

Gli incentivi rientrano però in un quadro più ampio di interventi di ristrutturazione edilizia ordinaria e straordinaria riguardanti sia la prima che la seconda casa.

Per tale Bonus a partire dal 1° gennaio 2025 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro.

Sarà possibile accedere all’agevolazione per lavori di:

  • manutenzione straordinaria

  • restauro e risanamento conservativo, 

  • ristrutturazione edilizia. 

Puoi accedere anche tramite Superbonus

Il Bonus scale e ascensori 2024 può anche essere dedotto dal Superbonus. In questo caso entra in gioco il concetto di intervento trainante e trainato.

L’eliminazione delle barriere architettoniche può essere trainata nel Superbonus sia da un intervento trainante di Ecobonus (isolamento termico delle superfici opache o sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale esistente), sia da un intervento trainante di Sismabonus (intervento locale, miglioramento o adeguamento

Achiropita Cicala
Achiropita Cicala
Collaboratore giornalistico, classe 1985.Ho una laurea magistrale in Economia Applicata, conseguita presso l'Università degli Studi della Calabria. A percorso universitario ultimato, ho approfondito sul campo le competenze acquisite in Finanza e Statistica presso alcuni studi commerciali. Attualmente, collaboro con diverse testate giornalistiche online per le quali scrivo, con flessibilità, di argomenti che spaziano dall'economia alla politica, dal mondo della scuola a quello dell'amministrazione pubblica. Passioni? La scrittura in primis, la grafica in secundis!
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
773FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate