Bonus depuratore acqua 2023: come fare richiesta e quali sono i requisiti obbligatori

Come funziona il bonus depuratore acqua 2023? Ecco le indicazioni da seguire per inviare la domanda e quali sono i requisiti obbligatori per accedere al bonus per l’acqua potabile.

depuratore-acqua-bonus-2023

Tra i vari bonus per la casa, è stato confermato per l’intero anno del 2023 anche il bonus depuratore acqua potabile dal valore massimo di 500 euro.

Si tratta, per chi ancora non lo sapesse, della possibilità per le famiglie e i cittadini italiani di accedere ad un rimborso per l’acquisto di depuratori e sistemi di filtraggio, mineralizzazione, addizione di anidride carbonica, o raffreddamento.

In questa guida, quindi, andremo ad approfondire più nel dettaglio come funziona un bonus depuratore acqua 2023, quali sono le modalità previste per presentare domanda al fine di fruire del bonus ma anche a chi spetta e quali sono i requisiti obbligatori.

Come funziona il bonus depuratore acqua 2023

Il bonus depuratore acqua rappresenta una misura economica che viene riconosciuta nei confronti di quelle persone che prendono la decisione di acquistare dei sistemi per ottenere un miglioramento della qualità dell’acqua da bere.

Si tratta di un aiuto che può essere richiesto sia per un uso privato, dunque per quei sistemi che saranno installati presso un’abitazione privata, che anche per un’attività professionale, commerciale oppure imprenditoriale, o ancora per un ente religioso o del terzo settore.

A livello fiscale, il bonus depuratore acqua 2023 rappresenta un credito di imposta con una percentuale del 50% che viene calcolata sugli importi legati alle spese sostenute dai richiedenti nel corso dell’anno precedente, destinate proprio all’acquisto e all’installazione dei sistemi di depuratore per l’acqua potabile.

L’obiettivo perseguito da parte del Governo in merito all’introduzione del bonus acqua potabile 2023 attraverso la Legge di Bilancio 2021 e successivamente rinnovata con la manovra finanziaria del 2022, è quello di incentivare la riduzione del consumo dei contenitori di plastica per l’acqua potabile.

Le risorse stanziate per l’erogazione del bonus depuratore acqua 2023 sono pari a 5 milioni di euro per l’anno 2022, mentre per il 2023 ammontano a circa 1,5 milioni di euro.

Chi può ricevere il bonus depuratore acqua 2023

Arriviamo ora a chiarire un altro aspetto altrettanto importante per il bonus acqua potabile per il 2023, ovvero: a chi spetta il credito di imposta del 50% per l’acquisto e per l’installazione dei sistemi di depurazione e di filtraggio dell’acqua?

A poter presentare domanda per accedere al bonus depuratore acqua 2023, sono e seguenti categorie di soggetti:

  • soggetti esercenti in arti, professioni oppure attività di impresa;

  • persone fisiche;

  • enti non commerciali, inclusi gli enti del terzo settore o gli enti religiosi.

Va detto che, oltre alla verifica delle categorie di soggetti che fanno richiesta del bonus acqua potabile 2023, saranno anche controllati i requisiti obbligatori per poter accedere al credito di imposta.

Innanzitutto, gli acquisti dovranno riguardare dei sistemi legati alla mineralizzazione, al filtraggio, ma anche all’addizione di anidride carbonica E 290 o di raffreddamento.

L’acquisto e l’installazione di questi sistemi, ai fini dell'accesso al bonus acqua potabile 2023, dovrà essere stato effettuato durante il periodo compreso tra il primo gennaio del 2022 e il 31 dicembre dello stesso anno.

Gli importi del bonus depuratore acqua 2023

Per quanto concerne gli importi previsti per il bonus depuratore acqua, va detto che l’agevolazione può assumere diversi valori in base alla tipologia di soggetto che invia la domanda. 

Nello specifico, il credito di imposta potrà raggiungere un valore massimo pari a 1.000 euro per ogni immobile se si tratta di persone fisiche.

Mentre se il bonus sarà riconosciuto verso attività commerciali, enti non commerciali o imprenditori, l’importo del credito di imposta farà riferimento ad un massimo di 5.000 euro per ciascun immobile, purché sia adibito ad apposita attività istituzionale oppure commerciale.

Dunque, ciò significa che i cittadini privati possono ottenere un risparmio fino a 500 euro, mentre le imprese e le istituzioni hanno la possibilità di ricevere un importo fino al valore di 2.500 euro.

La domanda per il bonus depuratore acqua 2023

Affinché si possa ottenere l’accesso al bonus depuratore acqua 2023, i soggetti che intendono beneficiare del credito di imposta del 50% per le spese sostenute e successivamente documentate dai contribuenti.

La comunicazione per poter beneficiare il bonus depuratore acqua 2023 dovrà essere trasmessa durante il periodo compreso tra il primo e il 28 febbraio dell’anno successivo rispetto a quello in cui i soggetti richiedenti hanno sostenuto i costi.

Le modalità per inviare la domanda per accedere al bonus acqua potabile sono essenzialmente due. Da un lato, vi è la modalità di invio della richiesta telematica mediante l’area riservata sul portale ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.

Dall’altro, invece, vi è la possibilità di inviare la comunicazione dopo aver compilato un apposito documento informativo e seguendo le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate attraverso i  canali telematici dell’Agenzia, nel rispetto dei requisiti definiti dalle specifiche tecniche.