*Atlantia in lieve calo in avvio (-0,5% a 15,6150 euro) *dopo la buona performance di venerdì. I dati sul traffico dell'ultima settimana di giugno evidenziano miglioramenti sulle autostrade in concessione in Italia e Spagna, peggioramenti in Francia. Dati in progressivo miglioramento per quanto riguarda gli aeroporti.

Su quest'ultimo versante segnaliamo però le incertezze che caratterizzano l'avvio di Ita, la compagnia che prenderà il posto di Alitalia, previsto per ottobre. La società è ancora da definire, così come la scelta del partner (Deta-Air France o Lufthansa). Alitalia è il principale vettore operativo sugli scali di Aeroporti di Roma, gruppo controllato dalla holding dei Benetton.

Graficamente possiamo osservare che Atlantia in settimana è scesa sui minimi da febbraio, mettendo pressione sul supporto a 15,20 euro, riferimento dal quale è riuscita a rimbalzare. Il titolo resta però esposto al rischio di un test di 14,80, base della fascia laterale in cui le quotazioni oscillano da inizio febbraio. Segnali di forza oltre area 16, prologo a un attacco alle resistenze a 16,80-16,90 con possibile riattivazione del rally verso gli obiettivi a 18,50 e 19,50.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)