Avvio di seduta incerto per i maggiori indici azionari europei che si muovono in territorio negativo durante i primi scambi, dopo le performance sottotono dei mercati asiatici. Gli operatori mostrano preoccupazione per i dati sull'inflazione USA di ieri, per l'andamento della pandemia e attendono indicazioni ulteriori da Fed e Bce. Il Dax *cede lo 0,10%, il *Cac 40 *lo 0,02%, il *Ftse 100 *lo 0,32 per cento. Male anche l'Ibex 35* (-0,21%), mentre il Ftse *MIB *mostra un leggero rialzo (+0,22%).

Nel paniere principale tedesco si nota una flessione di MTU Aero Engines (motori per aerei militari) di 1,16 punti percentuali nel contesto un generale avvio negativo degli scambi per il settore europeo della difesa (Stoxx Europe Total Market Aerospace & Defense -0,86%). Sembra subire una cattiva intonazione del mercato e del proprio settore anche il titolo di *Deutsche Telekom *(-1,04%) sullo sfondo di un *Euro Stoxx Telecommunications *che cede lo 0,33 per cento.

Mostra invece performance positive il comparto bancario, nel contesto di rendimenti del sovereign Ue in rialzo. A Parigi *SocGen *guadagna l'1,52%, *BNP Paribas *lo 0,81% e il *Credit Agricole *l'1,40 per cento.

Fanno bene anche le banche spagnole a Madrid: il Santander *guadagna lo 0,75% e il *BBVA *lo 0,60 per cento. Arretra invece sul listino iberico il titolo di *Cellnex, che cede l'1,31% del proprio valore il mercato. L'Antitrust britannica (CMA) ha evidenziato delle preoccupazioni sulla proposta di acquisto dell'infrastruttura passiva di CK Hutchison nel Regno Unito da parte della stessa Cellnex. Si tratta essenzialmente di torri e ripetitori di Three per un valore di 8,6 miliardi di sterline.

A Londra cede lo 0,99% Astrazeneca, che invece ha ottenuto dall'Antitrust UK un via libera che dovrebbe consentire di chiudere il buyout da 39 miliardi di dollari della società delle malattie rare Alexion già la prossima settimana.

(GD - www.ftaonline.com)