Azimut Holding (+0,71%) accorcia la distanza dai top di gennaio 2020 a 24,70 euro, oltre i quali potrebbe ambire al test di obiettivi a 27,30 e 29,80, record storico del maggio 2015. Nella direzione opposta, monitorare i supporti in area 23, area di transito della media esponenziale a 50 sedute, la cui violazione anticiperebbe cali verso le ex resistenze a 22,30 e più sotto fino a 21,40 euro.

(CC - www.ftaonline.com)