Il Consiglio di Amministrazione della Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. ("Banca di Asti"), ha approvato le situazioni patrimoniali ed economiche individuali e consolidate preliminari al 30 giugno 2021.

Utile netto consolidato pari a 17,3 mln di euro, a conferma della capacità di resilienza del Gruppo nonostante un approccio severo e prudente a fronte dei potenziali impatti economici correlati alla pandemia Covid-19. Incremento delle masse intermediate, sia in riferimento ai crediti verso clientela (+3,6% da dicembre 2020) sia per quanto riguarda il comparto della raccolta, ed in particolare del risparmio gestito (+20,2% sul 31/12/20 e +35,1% rispetto al 30/06/20).
Consolidamento del quadro strutturale del Gruppo espresso dagli specifici indicatori di patrimonializzazione, liquidità, efficienza e qualità dell'attivo:
? Solidità patrimoniale: CET1 Ratio 15,26%, Tier 1 Ratio 16,89% e Total Capital Ratio 19,26% ;
? Robusta situazione di liquidità: Liquidity Coverage Ratio (LCR) al 248,3%;
? Efficienza operativa su livelli elevati, con un indicatore di Cost/Income che si attesta al 58,41%;
? Asset quality in progressivo miglioramento, con un NPL Ratio netto del 4,66% e un Coverage ratio del 52,12%.

(RV - www.ftaonline.com)