Banche: Cgia, in un anno sofferenze invariate

Aziende si confermano buone pagatrici, preoccupa il Sud

(ANSA) - VENEZIA, 6 GIU - Da settembre a marzo l'incidenza delle sofferenze sui prestiti erogati alle aziende con meno di 5 dipendenti e' scesa dello 0,4%. Per le altre aziende, invece, e' aumentata dello 0,1%. A livello territoriale, nonostante una generale leggera contrazione, preoccupa la situazione del Mezzogiorno. L'analisi e' della Cgia di Mestre sviluppata attraverso il proprio osservatorio sul credito. 'Le aziende italiane, nonostante la crisi, si confermano buone pagatrici'. 'Anche se - prosegue Bortolussi, segretario della Cgia - tutti gli esperti sono concordi nel ritenere che il deterioramento dei pagamenti segue con ritardo il peggioramento della congiuntura, fino a questo momento possiamo dire che, nonostante gli effetti della crisi e il conseguente calo dei consumi le imprese italiane hanno mantenuto fede ai loro impegni. In particolar modo le piccolissime, che non godono di un buon trattamento da parte delle banche italiane''. (ANSA).