La Borsa di New York ha chiuso la prima seduta della settimana in deciso ribasso penalizzata dal rally del petrolio che rischia di far impennare ulteriormente l'inflazione. Il Dow Jones ha perso il 2,37%, l'S&P 500 il 2,95% ed il Nasdaq Composite il 3,62%.
Wti e Brent hanno raggiunto i livelli più alti degli ultimi 14 anni dopo la notizia del possibile embargo del petrolio russo.
Forti vendite sul comparto del trasporto aereo.
Male il settore finanziario. Si salva solo il comparto dell'energia.
Tra i titoli in evidenza Occidental Petroleum -1,39%. Secondo la documentazione regolatoria, la Berkshire Hathaway di Warren Buffett da inizio 2022 ha acquistato quasi 30 milioni di azioni del gruppo petrolifero di Houston, portando all'11,2% la sua partecipazione.
Uber Technologies -4,02%. Il fornitore del servizio di trasporto automobilistico privato ha rivisto al rialzo la stima sull'Ebitda adjusted del primo trimestre a 130-150 milioni di dollari da 100-130 milioni di dollari della precedente guidance.
Bed Bath & Beyond +34,18%. RC Ventures LLC, veicolo di investimento del miliardario Ryan Cohen, ha acquistato il 9,8% del retailer.
Philip Morris International -6,57%. Jp Morgan ha tagliato il rating sul titolo del colosso del tabacco a "neutral" da "overweight".
Ciena Corporation -10,89%. Il fornitore di infrastrutture di rete ha chiuso il primo trimestre con un giro d'affari in crescita dell'11,5% a 844,4 milioni di dollari ma inferiore alle attese degli analisti (consensus Refinitiv a 856,9 milioni).
Capri Holdings Limited -15,20%. Il gruppo del lusso ha annunciato che Joshua Schulman, attuale numero uno di Michael Kors, lascerà a sorpresa la società.

(RV - www.ftaonline.com)