La Borsa di New York ha aperto la seduta in rialzo sostenuta dalle aspettative per una vigorosa ripresa economica rafforzate dagli odierni dati macro. Il Dow Jones guadagna lo 0,6%, l'S&P 500 lo 0,7% ed il Nasdaq Composite l'1,2%. L'indice delle blue chips e quello delle 500 aziende a maggiore capitalizzazione hanno aggiornato i record storici.
Tra i titoli in evidenza UnitedHealth Group +3%. Il colosso Usa dell'assicurazione sanitaria ha rivisto al rialzo il target sull'utile per azione adjusted 2021 a 18,10-18,60 dollari da 17,75-18,25 dollari della precedente guidance. Nel primo trimestre i profitti netti sono cresciuti a 4,86 miliardi di dollari (5,08 dollari per azione) da 3,38 miliardi dello stesso periodo di un anno prima.
PPD +7%. Thermo Fisher Scientific ha annunciato l'acquisto della società della North Carolina (specializzata in servizi di ricerca, sviluppo e test di laboratorio per il settore farmaceutico) per 17,4 miliardi di dollari (20,9 miliardi di dollari debito incluso). Gli azionisti PPD riceveranno 47,50 dollari per azione in contanti per ogni azione in possesso.
Sul fronte macroeconomico le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 9 aprile si sono attestate a 576 mila unità, inferiori alle attese (700 mila) e al dato della settimana precedente (769 mila unità). Il numero totale di persone che richiede l'indennità di disoccupazione (calcolato sui dati al 2 aprile) si attesta a 3,731 milioni, superiore a 3,727 milioni della rilevazione precedente (attese 3,700 milioni).
Il Dipartimento del Commercio ha reso noto che le vendite al dettaglio hanno evidenziato nel mese di marzo un incremento del 9,8%, superiore alle attese (+5,9% m/m) dopo un calo del 2,7% del mese precedente (rivisto da -3%). L'indice escluso il comparto auto è aumentato dell'8,4% dopo la flessione del 2,5% della rilevazione precedente, rivista da -2,7%.
La Federal Reserve di Philadelphia ha reso noto che il proprio indice, che monitora l'andamento dell'attivita' manifatturiera dell'area di Philadelphia, si e' attestato nel mese di aprile a 50,2 punti da 51,8 punti di marzo e a fronte di attese degli analisti pari a 42 punti.
La Federal reserve di New York ha comunicato che l'indice Empire State Manufactoring (che misura l'andamento dell'attività manifatturiera di New York) si attesta nel mese di aprile a + 26,3 punti da +17,4 punti di marzo, risultando nettamente superiore alle attese degli analisti fissate su un indice pari a 19,5 punti e su massimi pluriennali.
La Federal Reserve ha reso noto che nel mese di marzo la Produzione Industriale ha evidenziato un incremento dell'1,4% rispetto al mese precedente. Il dato è risultato inferiore alle aspettative (+2,8%) ma superiore al -2,6% della rilevazione precedente. Il tasso di utilizzo della capacita' produttiva si e' attestato al 74,4% da 73,4% precedente, risultando inferiore alle attese (75,7%).

(RV - www.ftaonline.com)