La Borsa di New York ha aperto l'ultima seduta della settimana in rialzo nonostante il deludente dato sull'occupazione annunciato in giornata. Il Dow Jones guadagna lo 0,3%, l'S&P 500 lo 0,5% ed il Nasdaq Composite lo 0,7%. L'indice delle blue chips e quello delle 500 aziende a maggiore capitalizzazione hanno toccato nuovi record storici.
Tra i titoli in evidenza Expedia +7%. La società leader nelle prenotazioni turistiche online ha comunicato risultati relativi al primo trimestre segnati da perdite dimezzate da 1,3 miliardi, pari a 9,24 dollari per azione, a 606 milioni, e 4,17 dollari. Su base rettificata la perdita è invece salita da 1,83 a 2,02 dollari per azione, contro i 2,30 dollari del consensus di FactSet. Nei tre mesi Expedia ha registrato ricavi in netto declino da 2,21 a 1,25 miliardi di dollari, contro gli 1,11 miliardi stimati dagli analisti.
Monster Beverage -5%. Il gruppo delle bevande energetiche ha chiuso il primo trimestre con un utile per azione pari a 0,59 dollari, inferiore a 0,61 dollari del consensus Refinitiv.
Square +6%. Il gruppo dei servizi finanziari ha comunicato per il primo trimestre profitti netti per 39 milioni di dollari, pari a 8 centesimi per azione, contro il rosso di 106 milioni, e 24 centesimi, del pari periodo del precedente esercizio. Su base rettificata l'eps si è attestato a 41 centesimi, a fronte di ricavi rimbalzati da 1,4 a 5,1 miliardi di dollari. Il consensus di FactSet era 17 centesimi e 3,34 miliardi di dollari rispettivamente. La performance è stata trainata in larga parte dalle transazioni in bitcoin che da sole hanno generato, attraverso il portafoglio digitale di Square Cash App, 3,5 miliardi di ricavi.
Sul fronte macroeconomico il Dipartimento del Lavoro ha reso noto che nel mese di aprile i nuovi posti di lavoro, nei settori non agricoli, sono cresciuti di 266 mila unita' dopo l'incremento di 770 mila unità nella rilevazione precedente (rivisto da 49 mila unità). Le attese erano fissate su un incremento di 916 mila unità. Il tasso di disoccupazione si attesta al 6,1%, superiore alla rilevazione precedente e alle attese, pari al 6% e al 5,8%. Cresce dello 0,7% il salario orario medio mensile risultando superiore alla rilevazione di marzo, pari al -0,1%, e superiore alle attese (+0,1%). Su base annua le retribuzioni crescono al ritmo dello 0,3% dal +4,2% del dato precedente.

(RV - www.ftaonline.com)