La Borsa di New York ha chiuso l'ultima seduta della settimana in rialzo. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,52%, l'S&P 500 lo 0,88% ed il Nasdaq Composite l'1,47%.
Il dato sulla creazione di nuovi posti di lavoro pubblicato in giornata, positivo ma inferiore alle attese, ha confermato la ripresa occupazionale ed ha allo stesso tempo ridotto le possibilità di una riduzione, prima del previsto, degli stimoli monetari da parte della Fed.
Sugli scudi il comparto tecnologico.
Tra i titoli in evidenza Lululemon Athletica +3,83%. Il gruppo di abbigliamento sportivo ha chiuso il primo trimestre con un utile per adjusted a 1,16 dollari contro i 91 centesimi del consensus. I ricavi sono balzati dell'88,1% a 1,23 miliardi (consensus 1,13 miliardi).
Costco Wholesale +0,95%. La catena di ipermercati ha comunicato che le vendite nette sono balzate del 24,2% annuo in maggio a 15,59 miliardi di dollari. La crescita a perimetro costante è stata invece del 22,8% annuo (14,7% al netto di valute e costo dei carburanti). Nelle 39 settimane allo scorso 30 maggio le vendite sono progredite del 18,3% annuo a 142,17 miliardi di dollari (16,8% la crescita a perimetro costante e 15,2% al netto di valute e costo dei carburanti).
Broadcom +2,19%. Il gruppo dei semiconduttori ha annunciato una trimestrale superiore alle attese ed ha fornito un outlook convincente. Per il terzo trimestre i ricavi sono visti a circa 6,75 miliardi di dollari contro i 6,6 miliardi del consensus.
Sul fronte macroeconomico il Dipartimento del Lavoro ha reso noto che nel mese di maggio i nuovi posti di lavoro, nei settori non agricoli, sono cresciuti di 559 mila unita' dopo l'incremento di 278 mila unità nella rilevazione precedente (rivisto da 266 mila unità). Le attese erano fissate su un incremento di 650 mila unità. Il tasso di disoccupazione si attesta al 5,8%, inferiore alla rilevazione precedente e alle attese, rispettivamente pari al 6,1% e al 5,9%.
Cresce dello 0,5% il salario orario medio mensile risultando superiore alla rilevazione di aprile pari al +0,7%, e superiore alle attese (+0,2%). Su base annua le retribuzioni crescono al ritmo del 2% dal +0,4% del dato precedente.
Il Dipartimento del Commercio ha annunciato che nel mese di aprile gli ordini industriali sono diminuiti dello 0,6% dopo l'incremento dell'1,4% registrato a marzo. Gli economisti avevano stimato una flessione dello 0,2% su base mensile. Gli ordinativi alle fabbriche escluso il settore dei trasporti sono rimasti invariati ad aprile dal +0,5 di marzo.
Nell'arco della settimana il Dow Jones ha guadagnato lo 0,66%, l'S&P 500 lo 0,61% ed il Nasdaq Composite lo 0,48%.

(RV - www.ftaonline.com)