La Borsa di New York ha chiuso l'ultima seduta del mese di giugno in ordine sparso. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,61%, l'S&P 500 lo 0,13% mentre il Nasdaq Composite ha perso lo 0,17%. L'indice delle 500 aziende e maggiore capitalizzazione ha aggiornato il record storico grazie al comparto bancario. Le prese di beneficio hanno invece zavorrato il listino ad alto contenuto tecnologico.
Tra i titoli in evidenza Bed Bath & Beyond +11,30%. Il rivenditore di articoli per la casa ha annunciato ricavi trimestrali superiori alle attese ed ha fornito un outlook convincente.
Constellation Brands +1,36%. Il gruppo delle bevande alcoliche ha chiuso il primo trimestre con un giro d'affari superiore alle attese (2,19 miliardi di dollari contro i 2,02 miliardi del consensus).
Royal Caribbean +2,6%. CFRA ha alzato il rating sul titolo del gruppo delle crociere a "buy" da "hold".
ConocoPhillips +3,12%. Il gruppo petrolifero ha aumentato di dollari il programma di acquisto di azioni proprie.
Sul fronte macroeconomico la stima ADP (National Employment Report) sul mondo del lavoro ha evidenziato, nel mese di giugno, una crescita di 692 mila nuovi impieghi, da +886 mila unità della rilevazione precedente (rivisto da +978 mila unità) risultando superiore alle attese degli addetti ai lavori che si aspettavano un incremento di 600 mila posti di lavoro.
L'Indice PMI Chicago (attività manifatturiera) nel mese di maggio è sceso a 66,1 punti da 75,2 punti di maggio risultando inferiore alle attese degli addetti ai lavori, fissate su un indice pari a 70 punti.

La National Association of Realtors ha reso noto che l'indice Pending Home Sales (vendite di case con contratti ancora in corso) ha evidenziato a maggio un incremento dell'8% dopo il decremento del 4,4% ad aprile. Gli addetti ai lavori avevano stimato una variazione negativa pari allo 0,8% mese su mese. L'indice è salito a 114,7 punti da 106,2 punti precedenti.
Nel mese di giugno il Dow Jones ha perso lo 0,08% mentre l'S&P 500 ed il Nasdaq Composite hanno guadagnato rispettivamente il 2,22% ed il 5,49%.

(RV - www.ftaonline.com)