Le principali Borse europee hanno aperto la seduta senza grandi variazioni. L'indice Stoxx 600, il Dax di Francoforte, il Cac40 di Parigi e il Ftse100 di Londra e sono sostanzialmente piatti.
Confermato il rallentamento dell'economia di Pechino, soprattutto dal punto di vista dei consumi. In agosto le vendite al dettaglio sono infatti salite in Cina del 2,5% annuo, in deciso rallentamento rispetto all'8,5% di luglio e contro il progresso del 6,3% del consensus. Si tratta della peggiore performance in un anno.
Tra i titoli in evidenza Inditex -1%. Il gruppo d'abbigliamento ha comunicato per il primo semestre 1,27 miliardi di euro di utile, contro il rosso di 195 milioni del pari periodo del precedente esercizio. Nei sei mesi la società spagnola che controlla le catene Zara, Massimo Dutti, Bershka, Oysho, Pull and Bear e Stradivarius ha registrato un rimbalzo del 50% annuo delle vendite a 11,94 miliardi di euro. Nel solo secondo trimestre la crescita a perimetro costante è stata del 7% rispetto al pari periodo del 2019, prima dello scoppio della crisi del Covid-19.
Sodexo -1%. Hsbc ha tagliato il rating sul titolo del gruppo della ristorazione collettiva a "hold" da "buy".
Hennes & Mauritz -3%. La catena svedese ha comunicato su base preliminare per il suo terzo trimestre (chiuso lo scorso 31 agosto) una crescita delle vendite del 9% annuo (14% in valute locali), a 55,59 miliardi di corone (5,47 miliardi di euro), contro i 57,23 miliardi (5,63 miliardi di euro) del consensus di FactSet.
Sul fronte macroeconomico nel Regno Unito l'Ufficio Nazionale di Statistica (ONS) ha reso noto che l'indice dei prezzi al consumo ha mostrato, nel mese di agosto, una crescita dello 0,7% su base mensile dopo la variazione dello 0,5% a luglio, risultando superiore al consensus fissato su un incremento dello 0,5%. Su base annuale l'inflazione è cresciuta del 3,2% risultando superiore alla rilevazione precedente (+2%) e alle attese( +2,9%). L'indice core ha registrato un incremento del 3,1% rispetto allo stesso periodo del 2020. L'indice dei prezzi al dettaglio (Retail Price Index) ha segnato un incremento del 4,8% su base annuale risultando superiore alle attese (+4,6%) e alla rilevazione precedente (+3,8%).

(RV - www.ftaonline.com)