Le principali Borse europee hanno aperto la prima seduta della settimana in rialzo. Il Dax di Francoforte guadagna l'1,3%, il Cac40 di Parigi l'1%, il Ftse100 di Londra lo 0,2% e l'Ibex35 di Madrid l'1,1%.
Sotto i riflettori torna la pandemia di coronavirus. Se a Shenzhen le restrizioni erano state allentate ora a finire in lockdown (per quanto parziale) è Shanghai: a causa dei nuovi record di contagi le autorità hanno annunciato domenica che aziende e fabbriche sospenderanno la produzione o lavoreranno da remoto durante il blocco che dovrebbe durare fino al 5 aprile, permettendo di condurre test di massa sulla popolazione. Le tensioni geopolitiche e la stretta monetaria avviata dalla Federal Reserve portano volatilità sui mercati. Per quanto riguarda l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia oggi ripartono i colloqui in Turchia.
In ribasso le quotazioni del petrolio; il future sul Brent cede il 3,72% a 113 dollari al barile.
Sugli scudi le banche ed i titoli ciclici.
Tra gli altri titoli in evidenza Orpea -5%. Il ministro francese Brigitte Bourguignon ha detto che lo Stato chiederà il rimborso dei finanziamenti pubblici utilizzati in maniera irregolare dal gruppo delle case di riposo.
Adecco Group -2%. Jp Morgan ha tagliato il rating sul titolo del gruppo del lavoro interinale a "underweight" da "neutral".
Deutsche Bank +0,8%. Il gruppo bancario tedesco ha annunciato la nomina a co-president (ruolo che di fatto è quello di vice chief executive) del chief financial officer James von Moltke. Il manager, che manterrà anche la carica di direttore finanziario (ricoperta dal 2017), affiancherà Karl von Rohr, president dal 2018.

(RV - www.ftaonline.com)