Secondo quanto comunicato dalla China Federation of Logistics and Purchasing in collaborazione con l'Ufficio nazionale di statistica di Pechino, in aprile l'indice Pmi non manifatturiero, calcolato prevalentemente su costruzioni e servizi, ha registrato in Cina un calo a 41,9 punti dai 48,4 punti di marzo (51,6 punti in febbraio), confermandosi per il secondo mese sotto alla soglia di 50 punti che separa espansione da contrazione. Il dato si attesta sui minimi dai 29,6 punti del febbraio 2020, quando era scoppiata la pandemia di Covid-19 in Cina. Il Pmi Composite, che raggruppa manifatturiero e servizi, è invece sceso a 42,7 punti dai 48,8 punti precedenti (51,2 punti in febbraio).

(RR - www.ftaonline.com)