Come comprare e vendere azioni in poche mosse

Comprare e vendere azioni è una delle più popolari e comuni forme di investimento. Ecco come fare ad investire nel mercato azionario.

Come comprare e vendere azioni in poche mosse

Comprare e vendere azioni rappresenta una delle principali forme di investimento, non a caso il mercato azionario è uno dei mercati finanziari più popolari e in questa guida cercheremo di capire come fare a comprare e vendere azioni in modo semplice e sicuro.

Cos'è la borsa?

Per capire come comprare e vendere azioni è importante definire il dove queste azioni vengono negoziate, in altri termini, dove avviene la compravendita di azioni. Questo luogo è detto Borsa, un termine molto comune che si incontra quotidianamente leggendo di finanza ma che, per molte persone, è avvolto dal mistero.

La borsa non è altro che il mercato azionario per eccellenza, si tratta di un luogo luogo virtuale in cui si comprano e vendono risorse finanziarie. Si tratta di un mercato, esattamente come qualsiasi altro, dove però, ad essere scambiate e negoziate, sono minuscole quote aziendali che prendono il nome di azioni, oltre ad altri prodotti finanziari come titoli di stato, valute, materie prime, metalli preziosi e molto altro ancora.

La borsa, va precisato, non è un luogo fisico, ma è l'insieme di operazioni che finanziarie che possono avvenire anche in luoghi fisici detti mercati finanziari e il mercato azionario è il mercato finanziario in cui avviene effettivamente la compravendita di azioni. Esistono innumerevoli mercati azionari, ognuno dei quali divide le azioni in vari listini.

I listini sono un po' come i reparti di un supermercato, ed ordinano i vari titoli in base ad alcuni parametri variabili, uno degli indici più noti d'Italia ad esempio è l'indice FTSEMIB di Piazza Affari, ovvero della Borsa Italiana dove vengono negoziate la maggior parte delle azioni di aziende italiane.

Cosa sono le azioni?

Le azioni sono microscopiche quote di aziende, detto più semplicemente, ipotizzando un azienda dal valore di un milione di euro, di proprietà di una singola persona. Se il proprietario di questa azienda decidesse di quotare in borsa la sua azienda, dovrebbe decidere quanto della sua azienda collocare sul mercato, a questo punto, venderebbe una parte dell'azienda, ipotizziamo il 10%, emettendo 1000 azioni, ne otterrebbe così circa 1000 azioni dal valore di partenza di circa 100€.

Una volta vendute quelle azioni, il loro valore cambia a seconda della domanda e dell'offerta e le variazioni del valore di quelle azioni influisce il valore dell'intera società, comprese la quota non immessa sul mercato dal proprietario.

Come investire in azioni?

Per poter investire in azioni e quindi comprare e vendere azioni, è importante tenere a mente almeno sei passi chiave, che sono la comprensione del mercato azionario, la definizione degli obiettivi di investimento, ricerca sulle azioni, la creazione di un portafogli diversificato, la selezione di una piattaforma di trading o intermediario e il monitoraggio del proprio investimento.

Senza troppi giri di parole, la prima cosa da fare se si vuole investire in azioni è comprendere il funzionamento ed i meccanismi del mercato azionario. Bisogna quindi acquisire una certa padronanza di alcuni concetti di base come la sopracitata borsa valori e gli indici di mercato, ma anche i concetti di società quotata e fluttuazione dei prezzi, oltre che i concetti di dividendo, rendimento, P/E ratio e ordine di acquisto/vendita.

Comprendere il linguaggio finanziario è fondamentale per potersi muovere nel mondo della finanza in modo sicuro e responsabile.

Una volta familiarizzato con il dizionario finanziario si può procedere con la definizione degli obbiettivi di investimento, ovvero stabilire quale tipo di strategia di investimento si intende adoperare, se si preferisce prendere una posizione più aggressiva e finalizzata a profitti elevati in cui il rischio di perdite di capitale sono elevate o se si preferisce puntare su posizioni più conservative dove i rischi sono più contenuti ma anche i rendimenti sono più bassi.

Una volta definita la strategia di investimento si potrà procedere alla selezione delle aziende su cui investire, ma, prima di acquistare effettivamente azioni che andranno a comporre il proprio portafogli di investimento diversificato, è opportuno informarsi adeguatamente sulle aziende su cui si intende investire, consultando la documentazione pubblica delle società quotate, al fine di selezionare le azioni delle aziende più adatte alle proprie esigenze.

A questo punto non rimane altro da fare che acquistare o vendere effettivamente le azioni selezionate e per farlo è possibile fare ricorso a diversi strumenti come piattaforme di trading, che permettono di acquistare direttamente le azioni o attraverso intermediari che acquisteranno e venderanno le azioni per conto terzi.

L'acquisto delle azioni però non rappresenta la fine dell'investimento, il valore delle azioni infatti è soggetto a variazione nel tempo ed è quindi importante monitorare il proprio portafogli di investimento, aggiornando costantemente le proprie posizioni ed eventualmente liquidando le azioni meno redditizie.

Leggi anche: Fondi comuni di investimento. Tutto quello che devi sapere

Vendita allo scoperto

Un termine che ricorre spesso nei film che parlano di finanza e compravendita di azioni è "vendita allo scoperto", si tratta sostanzialmente di una vendita di azioni fatta su azioni che non si posseggono, per essere più precisi è una scommessa sul fatto che il valore di quelle azioni diminuirà in futuro.

Per poter vendere allo scoperto delle azioni che non si posseggono è necessario che qualcuno presti all'investitore quelle azioni, e solitamente a coprire questo ruolo sono intermediari, broker, banche o altri investitori. Quando si ottengono azioni in questo modo, il processo è detto "prestito" , più precisamente si prendono in prestito delle azioni.

Una volta ottenute in prestito le azioni è possibile venderle sul mercato come se fossero azioni di propria proprietà nella speranza che il loro prezzo diminuisca in futuro.

Quando le azioni in prestito sono state vendute è necessario acquistarle nuovamente sul mercato per poterle restituire all'investitore che le ha anticipate. Puntando ad un riacquisto ad un prezzo inferiore a quello di vendita , realizzando così un profitto.

Una volta riacquistate le azioni queste possono essere restituite al proprietario originario, mettendo fine alla vendita allo scoperto.

Rendimento delle azioni

Il rendimento degli investimenti azionari dipende principalmente da due fattori, il primo sono i dividendi, ovvero una quota degli utili registrati dall'azienda che periodicamente viene distribuita agli azionisti, il secondo è la differenza tra il prezzo di acquisto ed il prezzo di vendita.

In generale le azioni ad alto rendimento sono caratterizzate da un rischio elevato, ovvero, si tratta di azioni il cui valore potrebbe diminuire rispetto al prezzo di acquisto. Se tuttavia questa perdita di valore non si verifica, si può ottenere un rendimento molto elevato.

Leggi Anche

Azioni Granolas, le magnifiche 10 delle borse europee, ecco cosa sono

Antonio Coppola

19 feb 2024