Come Elon Musk di Tesla anche Mark Zuckerberg lancia l'allarme sulla congiuntura economica. Il fondatore di Facebook, ora Meta Platforms, ha avvertito che il gruppo di Menlo Park dovrà affrontare "la peggiore contrazione che abbiamo visto nella storia recente", il che richiederà un ridimensionamento di assunzioni e risorse. "Penso che alcuni di voi potrebbero decidere che questo posto non fa per loro e l'autoselezione va bene per me. Realisticamente, ci sono probabilmente un sacco di persone in azienda che non dovrebbero essere qui", ha detto Zuckerberg nel corso di una videoconferenza interna a Meta, citata dal New York Times. Chris Cox, chief product officer, aveva in precedenza dichiarato in una comunicazione interna che la società deve affrontare "tempi severi" e che "i venti contrari sono feroci". Il primo effetto, riporta MarketWatch, è che l'obiettivo di assumere 10.000 ingegneri nel corso del 2022, per sostenere la rivoluzione del metaverso voluta da Zuckerberg, è già stato ridimensionato a 6-7.000 nuove posizioni. Meta aveva chiuso in declino dello 0,76% venerdì al Nasdaq.

(RR - www.ftaonline.com)