Commercio estero: export Italia -19,7%, import -33,2%

Scambi con paesi extra-Ue, saldo comunque positivo per 555 mln

(ANSA) - ROMA, 25 GIU -L'export extra-Ue a maggio e' sceso del 19,7% su maggio 2008 e salito dello 0,5% su aprile: giu' pure l'import del 33,2%. Lo dice l'Istat. La flessione rispetto ad aprile e' del 3,2%. L'istituto di statistica precisa che il calo degli acquisti, su base tendenziale, e' il piu' alto degli ultimi 15 anni. Il saldo e' stato comunque positivo per 555 milioni di euro, dato migliore da dicembre 2004. La causa delle flessioni, per l'Istat, e' la crisi che ha provocato meno produzione. L'istituto rileva che ha inciso il prezzo del greggio (-45,5% pero' l'importato) e lo scarso acquisto di materie prime come i metalli (-58,2 tendenziale). Comunque il crollo delle importazioni ha fatto si' che il saldo fosse in miglioramento sul disavanzo di 1.772 milioni al maggio 2008. Quanto ad import ed export nei primi cinque mesi dell'anno, l'export e' sceso del 21,2% rispetto allo stesso periodo 2008 mentre l'import e' sceso del 26,9%. Le esportazioni a maggio sono diminuite, tra i comparti, per i prodotti tessili (-25,3%) e per i macchinari e apparecchi meccanici (-19,6%). Per i mezzi di trasporto nel complesso il calo e' stato del 4,3% ma se si considerano gli autoveicoli il calo tendenziale e' stato del 27,8%. In controtendenza gli articoli farmaceutici con un +10,7%. (ANSA).