Crisi: pil Usa a 6 mesi peggiore da 50 anni a questa parte

Ma a tre mesi (-5,5%) meglio di previsioni analisti (-5,7%)

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Il pil degli Stati Uniti nel primo trimestre 2009 e' stato rivisto a -5,5% da -5,7% della seconda lettura, migliore delle previsioni.Cio' mentre gli analisti si aspettavano nella terza lettura una conferma della contrazione del Pil del 5,7%. Il dato segue il -6,3% segnato nel quarto trimestre 2008. Il pil degli Stati Uniti nel primo trimestre 2009 e' pero' la peggiore performance semestrale da 50 anni a questa parte poiche' il dato segue il -6,3% del quarto trimestre dell'anno scorso. La revisione al rialzo del Pil, spiega il Dipartimento del Commercio, e' dovuta ad una lieve riduzione del deficit commerciale nei primi tre mesi del 2009. Il deficit e' stato infatti rivisto in calo a 296,8 miliardi di dollari rispetto alla precedente stima di 302,6 miliardi.La crisi rallenta ma, sostengono gli analisti, si dovra' aspettare ancora molto per vedere una vera ripresa dell'economia americana. Nel dettaglio, la spesa dei consumatori, che rappresenta il 70% del Pil americano, e' cresciuta dell'1,4% lo scorso trimestre, meno rispetto alle previsioni degli analisti che si attendevano un +1,5%. Sul fronte imprenditoriale, gli investimenti da parte delle aziende hanno segnato un crollo del 37% su base annua, il calo peggiore da quando si diede il via alla statistica nel 1947. (ANSA).