General Electric ha toccato un crollo superiore al 3% in premarket (la seduta di lunedì al Nyse si era invece chiusa con un guadagno dello 0,91%), dopo che la conglomerata industriale di Boston ha comunicato risultati relativi al primo trimestre segnati da perdite nette ridottesi da 2,61 dollari a 99 centesimi per azione. Su base rettificata l'eps è salito da 13 a 24 centesimi, contro i 18 centesimi del consensus di FactSet. I ricavi sono calati nei tre mesi dello 0,2% annuo a 17,04 miliardi, contro i 16,85 miliardi stimati dagli analisti. A deprimere i corsi di General Electric è stato però soprattutto il dato sul free cash flow, in negativo per 880 milioni di dollari, in miglioramento rispetto ai 3,36 miliardi del primo trimestre 2021 ma sopra agli 816 milioni del consensus di FactSet.

(RR - www.ftaonline.com)