Dax, compare una candela rialzista. L'indice Dax è sceso mercoledì a toccare con i minimi di quota 15072 la media mobile esponenziale a 20 giorni, mettendo poi a segno una decisa reazione che ha permesso all'indice di terminare la seduta a 15196 punti, in rialzo dello 0,44%. La media era già stata toccata dai minimi del 25 marzo favorendo poi la realizzazione di un forte rimbalzo. La candela giornaliera risultante dalle oscillazioni dei prezzi di mercoledì è un "hammer", elemento che compare in prossimità di forti supporti e che può quindi fornire la base per tentativi di ripresa dopo una discesa. Per confermare le possibilità di assistere ad una reazione duratura servirà il superamento almeno di area 15255-15290, rispettivamente 50% e 61,8% di ritracciamento del ribasso della singola seduta del 20 aprile (un "marubozu", elemento che rappresenta per la sua estensione una tendenza a se stante per la quale è possibile quindi calcolare i ritracciamenti). Oltre quei livelli atteso il ritorno in area 15400, ultimo ostacolo al ritorno sul record del 19 aprile a 15502 punti. La violazione della media esponenziale a 20 giorni, ora a 15065 punti, segnalerebbe invece la ripresa della fase discendente con obiettivi a 14845 e a 14621 punti, rispettivamente base del gap rialzista del 30 marzo e del 26 marzo.

(AM)