Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, Discord Inc. avrebbe messo fine ai negoziati con i possibili acquirenti e la start-up di San Francisco sarebbe tornata a valutare il progetto di Ipo. In marzo era stata Bloomberg a indicare che su Discord (creatrice dell'omonima piattaforma di messaggistica e comunicazioni VoiP utilizzata soprattutto dai videogiocatori) era anche vivo l'interesse di Microsoft, pronta a spendere più di 10 miliardi di dollari per acquisire una community da oltre 100 milioni di utenti attivi medi mensili. Per il takeover di Discord, però, sarebbero state in corsa almeno altre due società. Discord non è esclusivamente legata al gaming (e ha cercato di ampliare la sua presenza anche in altri comparti) ma il deal per Microsoft sarebbe stato funzionale alla crescita proprio nei videogiochi, dopo l'acquisizione da 7,5 miliardi di dollari di ZeniMax (capogruppo di società sviluppatrici come id Software e Bethesda Softworks, note per titoli delle serie di Doom, Wolfenstein, Fallout e The Elder Scrolls). Intanto Redmond ha chiuso su Nuance Communications (che opera nell'intelligenza artificiale e in tutt'altro settore rispetto a Discord) per 19,7 miliardi di dollari, debito incluso, nella seconda più costosa operazione della sua storia dietro solo al takeover da oltre 26 miliardi di dollari di LinkedIn nel 2016.

(RR - www.ftaonline.com)