Ferrari N.V. (NYSE/MTA: RACE) ("Ferrari" o la "Società") ha annunciato oggi i risultati preliminari consolidati relativi al secondo trimestre e al semestre concluso il 30 giugno 2021.

? Consegne totali pari a 2.685 unità, quasi il doppio rispetto all'anno precedente e in crescita dello 0,5% rispetto al Q2 2019
? Ricavi netti pari Euro 1.035 milioni, circa raddoppiati rispetto all'anno precedente e in aumento del 5,2% rispetto al Q2 2019
? EBITDA pari a Euro 386 milioni, triplicato rispetto all'anno precedente e in aumento del 23,0% rispetto al Q2 2019, con un margine dell'EBITDA del 37,4% nel Q2 2021.
? EBIT pari a Euro 274 milioni rispetto ai 23 milioni dell'anno precedente e in crescita del 14,8% rispetto al Q2 2019, con un margine dell'EBIT pari al 26,5% nel Q2 2021.
? Utile netto pari a 206 milioni e utile diluito per azione pari a Euro 1,11
? Solida generazione di free cash flow industriale pari a Euro 113 milioni e guidance per l'anno migliorata a circa Euro 450 milioni (da circa Euro 350 milioni)
? Prossimo Capital Markets Day programmato per il 16 giugno 2022 a Maranello

Commentando i risultati, il Presidente e Amministratore Delegato ad interim John Elkann ha dichiarato: "Questo eccellente secondo trimestre conferma la forza di Ferrari e del suo modello di business senza eguali. Ogni Ferrari che presentiamo definisce nuovi standard di innovazione, bellezza e unicità, le fondamenta del vero lusso. Con l'avvicinarsi del nostro 75° anniversario l'anno prossimo, le nostre opportunità non sono mai state più vaste e ampie."

Guidance 2021 sul free cash flow industriale rivista al rialzo da circa Euro 350 milioni a circa Euro 450 milioni, a condizione che l'operatività non sia impattata da ulteriori restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19 e sulla base delle seguenti ipotesi:
? Core business sostenuto da volumi e mix
? Ricavi da attività legate alla Formula 1 in linea con il calendario di gare annunciato e che riflettono il posizionamento inferiore nel campionato del 2020 rispetto all'anno precedente
? Attività legate al marchio condizionate dall'evoluzione del Covid-19
? Spese operative e di marketing in graduale aumento
? Free cash flow industriale sostenuto dal miglioramento del capitale circolante netto, grazie ai depositi sulle nuove serie speciali e ai minori pagamenti connessi con la prevista distribuzione temporale delle spese in conto capitale

(RV - www.ftaonline.com)