Fidia S.p.A., società a capo del gruppo Fidia, leader nella tecnologia del controllo numerico e dei sistemi integrati per il calcolo, la scansione e la fresatura di forme complesse, quotata sul Mercato Telematico Azionario ("MTA") organizzato e gestito da Borsa Italiana, rende noto che il Tribunale di Ivrea, ex art. 161, comma 6 del R.D. 267/1942 ("L.F."), ha preso nota della memoria di chiarimenti depositata in data 25 Giugno 2021 ed esaminato il parere definitivo espresso dal Pre-Commissario in data 1 Luglio 2021, accogliendo l'istanza di proroga (fondata su concreti e giustificati motivi, con specifico riferimento ai fatti sopravvenuti per effetto dell'emergenza epidemiologica COVID-19) di un ulteriore termine di 90 (novanta) giorni - originariamente fissato al 31 marzo 2021 e successivamente prorogato al 31 maggio 2021 – e, dunque, sino al 29 Settembre 2021, per il deposito della domanda di concordato preventivo o di accordo di ristrutturazione dei debiti, corredata dei documenti previsti dall'art. 161 L.F., anche al fine di completare gli approfondimenti in corso e valutare tutti i nuovi scenari che si stanno delineando alla luce dei colloqui con taluni potenziali investitori, tenuto altresì conto della dimensione e struttura dell'impresa quotata in mercati regolamentati. Ciò premesso e considerato, si rammenta che il Consiglio di Amministrazione, riunitosi in data 31 marzo 2021, ha deliberato di rinviare la data di approvazione del progetto di bilancio consolidato del Gruppo Fidia e del progetto di bilancio individuale di Fidia S.p.A. al 31 dicembre 2020, originariamente prevista per il 12 Aprile 2021 a data ancora da definire, che sarà tempestivamente comunicata al mercato non appena individuata.

(RV - www.ftaonline.com)