Fila: utile netto normalizzato in significativa crescita

Il Consiglio di Amministrazione di F.

Il Consiglio di Amministrazione di F.I.L.A. – Fabbrica Italiana Lapis ed Affini S.p.A. ("F.I.L.A." o la "Società"), le cui azioni ordinarie sono quotate su EURONEXT MILAN, organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., segmento EURONEXT MILAN, codice ISIN IT0004967292, ha approvato i risultati consolidati al 30 settembre 2021, redatti secondo i principi contabili internazionali IFRS.

• Ricavi normalizzati nei 9M 2021 pari a 496,5mln di Euro, +5,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (471,3mln di Euro nei 9M 2020), +8,9% a cambi costanti. In accelerazione la crescita dello School&Office (+12,2% rispetto ai 9M 2020), grazie alla significativa performance positiva in Europa e Nord America ed alla ripresa anche nelle altre aree geografiche. Il Fine Art continua il trend positivo (+2,3% rispetto ai 9M2020), seppur registrando un atteso rallentamento in tutte le aree geografiche, più accentuato nel Nord America, principalmente per il focus su un migliore price-mix dei prodotti; • EBITDA normalizzato nei 9M2021 (al netto degli effetti IFRS 16) pari a 91,0mln di Euro, +16,6% (+12,9mln di Euro) rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente, +19,1% a cambi costanti, in particolare grazie alla crescita in Europa e Nord America; • EBITDA Margin normalizzato in aumento rispetto ai primi nove mesi del 2020 (18,3% vs 16,6% nello stesso periodo dell'anno precedente) grazie alla significativa crescita dello School&Office nelle aree geografiche a maggiore marginalità, ad un migliore Price-Mix delle vendite e alle crescenti efficienze operative; • Utile Netto di Gruppo normalizzato (al netto degli effetti IFRS 16) pari a 39,7mln di Euro, in significativa crescita rispetto ai 21,5mln di Euro registrati nello stesso periodo dell'esercizio precedente, grazie principalmente al miglioramento del risultato della gestione operativa e finanziaria; • Il Debito Bancario Netto degli ultimi 12 mesi evidenzia un decremento di 80,9mln di Euro (389,4mln di Euro al 30 Settembre 2021 rispetto ai 470,3mln di Euro al 30 Settembre 2020). Escludendo un effetto cambio negativo per circa -2,7mln di Euro, il Debito Bancario Netto evidenzia un decremento pari a 83,6mln di Euro; • Free Cash Flow to Equity pari a +21,4mln di Euro (-38,0 mln di Euro nei primi nove mesi del 2020) grazie alla crescita dell'EBIT e a un significativo miglioramento del Capitale Circolante; • L'Indebitamento Finanziario Netto al 30 Settembre 2021 è pari a 485,8mln di Euro (incluso l'effetto IFRS 16 pari a 87,5mln di Euro e l'effetto negativo del Mark to Market Hedging pari a 13,5mln di Euro) rispetto ai 493,5mln di Euro al 31 Dicembre 2020 (569,0mln di Euro al 30 Settembre 2020).

"I numeri del terzo trimestre rappresentano un'importante conferma per il nostro Gruppo della ritrovata, abituale, generazione di cassa del periodo pre-Covid, mostrando un dato migliore delle, seppur ottime, stime che avevamo dato a inizio anno" dichiara Massimo Candela, CEO di F.I.L.A. "A partire dal mese di settembre il mercato indiano ha ripreso la normale operatività pre-pandemia, mentre il Messico, nonostante l'apertura delle scuole, evidenzia una frequenza fisica degli studenti solo al 50% che genera un impatto sulla ripresa del business; in termini di EBITDA il valore dei primi nove mesi risulta migliore delle nostre aspettative, considerando anche che sconta un delta negativo di 8 mln di Euro da India e Messico verso il numero dello stesso periodo del 2019. Per quanto riguarda le attese di fine anno il quadro atteso delle nostre due divisioni di business resta positivo, anche se sarà necessario gestire importanti tematiche inflazionistiche, problematiche logistiche e un rialzo della curva dei contagi"

Evoluzione prevedibile della gestione e prospettive per l'esercizio in corso L'esercizio 2021 sarà ancora influenzato dai fattori di instabilità rivenienti dalla diffusione del Coronavirus, instabilità che si sta comunque gradualmente riassorbendo grazie all'aumento della popolazione mondiale vaccinata. Persistono comunque criticità importanti in Messico che generano un atteggiamento di incertezza e di cautela da parte dei nostri clienti nell'acquisto di beni per la scuola. In Europa e Nord America, la situazione di maggior certezza legata all'aumento della popolazione vaccinata e all'adozione di misure di controllo più stringenti contro la diffusione del virus, ha consentito invece un recupero delle vendite legate ai prodotti scuola ed ufficio. Confermato il trend di crescita del fatturato dei prodotti "Fine Art", anche se più moderato rispetto alla prima parte dell'anno. In tali ipotesi si prevede, quindi, un parziale e graduale recupero dei costi fissi e degli investimenti produttivi ed informatici legati all'upgrade dei sistemi informativi del Gruppo. Rimane costante l'attenzione del management rivolta alle performance reddituali e ad una efficiente gestione del capitale circolante. Il Gruppo F.I.L.A. continuerà a monitorare l'evolversi della situazione al fine di minimizzarne gli impatti sociali, di salute e di sicurezza sul lavoro, economici, patrimoniali e finanziari, mediante la definizione e implementazione di piani di azione flessibili e mirati alla tempestività di azione.

(RV - www.ftaonline.com)