Forte rialzo per il Dax ieri, l'indice termina la seduta con un +2,47% a 15473 punti. I prezzi sono tornati al di sopra della media mobile esponenziale a 200 giorni, in transito a 15265 punti, e della trend line rialzista disegnata dai minimi di ottobre 2020 (e passante per quelli di ottobre 2021), ora supporto a 15360 circa, ma i massimi di seduta a 15509 punti si sono arenati contro il 38,2% di ritracciamento del ribasso dal top di novembre. Un rimbalzo di questa portata è il minimo sindacale di una fase correttiva, per potere impensierire la tenuta della tendenza precedente, in questo caso il ribasso dal picco di novembre, serve la rottura almeno del 50% di ritracciamento, qui a 15650, e poi del 61,8%, a 15810 circa. Solo oltre quei livelli i recenti segnali di debolezza risulterebbero meno pressanti. Senza la rottura di 15509 e in caso di discese sotto area 15350 rischio di ritorno sul minimo di martedì a 15015 punti, e probabilmente anche di un test del minimo del 6 ottobre a 14819 punti.

(AM)