Ftse Mib future sulla parità in attesa dei dati sull'inflazione Usa di giovedì. Il future ha terminato la seduta di martedì con un +0,26% a 25865 punti (range giornaliero 25700-25925). I dati diffusi dall'Istat mostrano che nel mese di aprile l'indice in valore delle vendite al dettaglio è sceso dello 0,4% da marzo, dopo una variazione nulla a marzo rispetto al mese precedente. Su base annua le vendite sono cresciute del 30,4%. Quella di martedì è stata la prima candela giornaliera con valori di chiusura inferiori all'apertura dopo cinque sedute in cui il trend era invece stato positivo. Da notare che i massimi di giornata si sono scontrati con il lato alto del canale crescente disegnato dai minimi di marzo 2020, una resistenza critica anche di medio termine. Non compaiono comunque per il momento veri e propri segnali di debolezza, solo la violazione a 25380 della media mobile esponenziale a 10 giorni (primo supporto di breve a 25600) farebbe temere l'avvio di una vera e propria correzione. Target in quel caso a 24695-25015, area di massimi il 6 aprile e il 18 maggio. La tenuta dei supporti indicati e la rottura di area 25930, se confermata in chiusura di seduta, permetterebbero invece il test di area 26400.

(AM - www.ftaonline.com)