Prima seduta della settimana positiva per il Ftse Mib. A sostenere le quotazioni sono state le banche, che si avvantaggiano sulle prospettive di ripresa economica. L'indice Sentix relativo all'area euro è salito a maggio a 21 punti dai 13,1 precedente, ai massimi da agosto 2018. Per Sentix "la recessione causata dal coronavirus è stata superata". La componente dell'indice relativa alle aspettative è salita a 36,8 da 34,8. Il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,78% lunedì andando a terminare a 24803 punti (massimo intraday a 24812, minimo a 24651). I prezzi hanno quindi confermato la rottura al rialzo della trend line discendente disegnata dal top del 6 aprile, passante ora come supporto a 24580 punti circa. I massimi di giornata si sono scontrati con la resistenza a 24805 punti, top del 19 aprile, che per il momento ha contenuto il rialzo. In caso di una rottura decisa di quei livelli l'indice avrebbe la possibilità di testare il picco del 6 aprile a 24939 punti. Target successivo a 25483, sul massimo del 19 febbraio 2020, coincidente con il lato alto del canale crescente disegnato dai minimi di marzo 2020, quindi una resistenza critica anche in ottica di medio periodo. Ripiegamenti in area 24580 non metterebbero in discussione i recenti segnali di forza, sotto quei livelli rischio di un nuovo test della media mobile esponenziale a 50 giorni, passante a 24080 circa, supporto già messo alla prova il 21 aprile e i 4 maggio che per ora ha saputo contenere le recenti flessioni dei prezzi.

(AM - www.ftaonline.com)