Il future T-Note 10 anni sembrerebbe avere terminato la correzione ribassista che parte dai massimi di agosto 2020. La fuga dagli asset più rischiosi come le azioni favorisce la ripresa dei prezzi dei bond governativi e quindi i rendimenti sono in calo. Il rendimento del Treasury Note a dieci anni (ZN) è all'1,47%, in una settimana è sceso di oltre 20 punti base. Eppure oggi Jerome Powell ha dichiarato che non ha più senso usare il termine "transitoria" parlando dell'inflazione, rendendo palese una virata in senso restrittivo della politica monetaria. Se la conta delle onde del bond a 10 anni Usa si rivelasse corretta vorrebbe dire che i rendimenti non sono destinati a tornare al 2%, come si poteva pensare fino a poco tempo fa, ma che invece potrebbero tornare verso l'1%. E questa ipotesi trova una spiegazione solo nella discesa delle borse, non certo appunto nelle aspettative di inflazione, che non sono cambiate, anzi, dopo le parole di Powell sono sempre più orientate al rialzo.

(AM - www.ftaonline.com)