Performance positive per Generali +1,4% e la controllata Banca Generali +2,0%. Il patto parasociale che formato da Del Vecchio, Caltagirone e Fondazione CRT ha incrementato la propria quota nella compagnia assicurativa al 15,171%, appena dietro il principale azionista Mediobanca che ha il 15,51%, ma con un prestito titoli si è assicurata il 17,7% dei diritti di voto nell'assemblea di primavera chiamata a rinnovare il cda. Secondo Il Sole 24 Ore il patto sta realizzando un piano industriale alternativo a quello del management di Generali focalizzato sullo sviluppo dell'asset management (con Banca Generali al centro del progetto) anche mediante acquisizioni.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)