Il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali, riunitosi sotto la presidenza di Andrea Sironi, ha approvato le Informazioni Finanziarie al 31 marzo 2022.

Ottima redditività con premi e risultato operativo in crescita. Estremamente solida la posizione di capitale. L'utile netto risente delle svalutazioni sugli investimenti russi.

  • Premi lordi a € 22,3 miliardi (+6,1%), in aumento nel Danni (+6,4%) e nel Vita (+6%). Raccolta netta Vita, interamente concentrata nelle linee unit-linked e puro rischio e malattia, in crescita a € 3,9 miliardi (+19,3%)
  • Risultato operativo in crescita a € 1,6 miliardi (+1,1%), grazie allo sviluppo positivo dei segmenti Vita, Danni e Holding e altre attività. Combined Ratio a 90,4% (+2,4 p.p.) e New Business Margin eccellente a 4,94% (+0,53 p.p.)
  • Utile netto a € 727 milioni (€ 802 milioni 1Q2021), che risente delle svalutazioni sugli investimenti russi per € 136 milioni. Senza tale impatto, l'utile netto si attesterebbe a € 863 milioni
  • Il Solvency Ratio si conferma estremamente solido a 237% (227% FY2021)

Il Group CFO di Generali, Cristiano Borean, ha affermato: "I risultati al primo trimestre confermano l'ottima performance di Generali, nonostante lo scenario caratterizzato dall'incertezza dovuta al conflitto in Ucraina. Lo sviluppo del business nei segmenti più profittevoli dimostra la costante capacità del Gruppo di generare valore, mantenendo una posizione di capitale solida e ai vertici del settore. Nei primi tre mesi dell'anno, il Gruppo ha avviato efficacemente il nuovo piano strategico 'Lifetime Partner 24: Driving Growth', basato su una forte crescita degli utili per azione, una maggiore generazione di capitale e dividendi più elevati. Il Gruppo continua a essere solidale e vicino alle persone coinvolte nel conflitto in Ucraina, a sostegno delle quali ha creato un fondo di emergenza da € 3 milioni e una raccolta fondi globale, lanciata tra i dipendenti e attraverso la Fondazione The Human Safety Net, per supportare l'UNICEF nelle sue attività a favore di coloro che stanno soffrendo a causa della guerra".

(RV - www.ftaonline.com)