Come già anticipato in occasione dell'approvazione dei dati contabili di periodo, l'emergenza epidemiologica da Covid-19, tuttora in corso, ha inciso in modo significativo sul contesto in cui operano le società del Gruppo (settore Education), limitando fortemente l'erogazione delle attività con le modalità operative tradizionali ed allo stesso tempo offrendo nuove opportunità attraverso l'utilizzo di nuovi canali digitali. Si è reso, pertanto, necessario un aggiornamento di talune assunzioni alla base del Business Plan approvato in data 6 settembre 2019.

In tale prospettiva il Consiglio di Amministrazione del 27 maggio 2021 di Gequity, riunitosi sotto la presidenza del dr. Luigi Stefano Cuttica, ha esaminato e approvato il nuovo piano industriale 2021-2026 del Gruppo (di seguito anche il "Business Plan").

Il *nuovo Piano Industriale *da un lato raffigura la stima della futura crescita organica del Gruppo Gequity, riflettendo l'attuale struttura societaria che annovera due società detenute al 100% dall'Emittente (HRD Training Group S.r.l., società operativa che opera nel mondo dell'Education e RR Brand S.r.l. che detiene i marchi del Gruppo) ed una partecipazione pari al 32% nel Fondo Margot (Fondo comune di investimento alternativo immobiliare di tipo chiuso riservato, avviato mediante apporto di immobili e versamenti in denaro rivenienti dalla sottoscrizione di quote da parte di investitori qualificati) e dall'altro intende riaffermare ulteriormente il ruolo di Gequity quale holding di partecipazioni che investe in PMI ad alto potenziale di crescita prevalentemente operanti nel settore education e wellness ed orientate all'innovazione ed al potenziamento del capitale umano; il tutto in linea con quanto previsto dalla Politica di Investimento approvata dall'allora Consiglio di Amministrazione in data 10 marzo 2020.

La crescita organica sulla quale si fonda il Business Plan della controllata HRD consentirà il recupero del fatturato a seguito della contrazione dovuta alle restrizioni della crisi pandemica da Covid19. In dettaglio, il Business Plan prevede che, nei primi tre anni, il fatturato consolidato cresca del 64%, così da registrare nel 2023 i volumi ante crisi Covid 19.

La crescita proseguirà anche negli anni successivi, trainata principalmente dallo sviluppo previsto nei segmenti dei corsi Business e Fully Digital (Corsi di sviluppo personale tenuti esclusivamente in formato digitale). Per il perseguimento dei suddetti piani di sviluppo sono previste assunzioni mirate di risorse manageriali nell'area commerciale business e nel digital marketing and sales. Infine per le aree di business core è previsto l'investimento sulle risorse interne ad alto potenziale di crescita come coach in affiancamento alla figura leader di Roberto Re.

L'effetto combinato di queste iniziative consente di proiettare a livello consolidato nel periodo di piano 2021-2026:

  • una crescita dei ricavi consolidati fino a 10 milioni di euro nel 2026 (+11,7% CAGR);

  • un incremento dell'EBITDA fino a 2,4 milioni di euro nel 2026 (+32,5% CAGR) (EBITDA Margin del 23,2%);

  • una crescita costante della generazione di cassa, con una posizione finanziaria netta attiva per circa 5,3 milioni di euro nel 2026 e del Patrimonio Netto Consolidato che si attesterà nel 2026 a circa 4,8 milioni di euro.

Con particolare riguardo all'utilizzo nel presente comunicato dell'EBITDA quale "indicatore alternativo di performance", non previsto dai principi contabili IAS/IFRS, si precisa di seguito il significato di tale termine, in linea con l'orientamento ESMA/2015/1415, pubblicato il 3 dicembre 2015:

  • EBITDA (Margine Operativo Lordo): rappresenta un indicatore della performance operativa; è calcolato come "Utile netto dell'esercizio" prima delle "Imposte dell'esercizio", dei "Proventi/(oneri) finanziari" e degli "Ammortamenti e svalutazioni".

Si precisa infine che il Business Plan è stato oggetto di analisi da parte della società Arthur D. Little, che ha rilasciato la propria Independent Business Review, presentata all'odierno Consiglio. In particolare le sensitivity analyses effettuate confermano la resilienza del Business Plan anche utilizzando assunzioni di crescita sensibilmente ridotte.


*Convocazione dell'Assemblea annuale degli Azionisti della Società *

**Il Consiglio di Amministrazione ha, tra l'altro, deliberato di convocare l'Assemblea degli Azionisti in sessione ordinaria, in unica convocazione, per il giorno 28 giugno 2021, alle ore 11.00.
L'Assemblea ordinaria è chiamata a deliberare su quanto segue:

  1. Approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2020;

  2. Presentazione della Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti ai sensi dell'art. 123-ter del D.lgs. 58/98:
    2.1 Approvazione della "Politica di Remunerazione per l'esercizio 2021" contenuta nella Sezione I, ai sensi dell'art. 123-ter, comma 3-bis del D. Lgs. n. 58/98; 2.2 Voto consultivo sui "Compensi corrisposti nell'esercizio 2020" indicati nella Sezione II, ai sensi dell'art. 123-ter, comma 6 del D. Lgs. n. 58/98.

  3. Conferimento dell'incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2021-2029 e determinazione del relativo corrispettivo. Delibere inerenti e conseguenti.

In merito alle proposte di delibera sui predetti punti si rimanda alla Relazione degli Amministratori sulle materie all'ordine del giorno, predisposta ai sensi dell'art.125-ter del D. Lgs. n.58/1998, che sarà resa disponibile sul sito internet della Società all'indirizzo www.gequity.it, nella sezione Governance / Assemblea degli Azionisti, nel rispetto dei termini previsti dalla vigente normativa in materia.

(GD - www.ftaonline.com)