Come previsto la Bank of Japan (BoJ), con otto voti del board favorevoli e il solo contrario di Goushi Kataoka, ha confermato ancora i tassi d'interesse allo 0,10% in negativo introdotto a sorpresa, con una mossa senza precedenti nel Sol Levante, nel meeting del gennaio 2016. L'istituto centrale di Tokyo ha peggiorato dal 3,4% al 2,8% la stima di crescita del Pil nell'attuale esercizio (in chiusura il prossimo 31 marzo). Alzata invece dal 2,9% al 3,8% la previsione di espansione dell'economia del Giappone nell'anno fiscale 2022 (rivista al ribasso dall'1,3% all'1,1% quella per il 2023).

(RR - www.ftaonline.com)