Il Dax delude venerdì. Il Dax ha toccato venerdì con i massimi intraday di quota 14161 il lato alto del canale ribassista disegnato dal top di fine marzo e la media mobile esponenziale a 50 giorni, innestando poi la retromarcia e andando a chiudere la seduta a 13982 punti (+0,72%). La settimana viene archiviata con un saldo del -0,33%. Solo discese nuovamente al di sotto di area 13700, 50% di ritracciamento del rialzo dai minimi di marzo, farebbero comunque temere una vera e propria fase ribassista, diretta verso la base del canale, passante in area 13300. La tenuta di area 13700 e la rottura di area 14050 dovrebbero lasciare spazio ad un nuovo test dei 14150 punti. Oltre quei livelli il canale citato si dimostrerebbe un "flag", una figura di continuazione della tendenza rialzista in atto da marzo, che potrebbe riprendere con obiettivo almeno fino sui massimi di marzo a 14925 punti (coincidenti con il 61,8% di ritracciamento del ribasso dal top di gennaio, percentuale di Fibonacci, quindi resistenza rilevante anche in ottica di medio termine). Sotto area 13300 supporto a 13107 punti, base del gap del 9 marzo.

(AM)