Piazza Affari in moderato rialzo. Il Ftse mib guadagna lo 0,4%, il Ftse Italia All Share lo 0,3% mentre il Ftse Italia Star scende dell'1,3%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 27 settembre:

Sciuker Frames

Sciuker Frames estende la reazione avviata la scorsa ottava dopo il test a 5,90 della media esponenziale a 50 sedute risalendo la china in direzione dei top di settembre, allineati a quelli di aprile a 6,96 euro. Una vittoria su questo ostacolo aprirebbe ulteriori spazi di crescita verso 7,30 e 7,50 euro, ultimi freni lungo il percorso verso i record di febbraio a 8,34 euro. ndicazioni negative giungerebbero invece sotto i 5,80 euro, riferimento strategico nel breve termine.

  • Target: 8,34 euro
  • Negazione: 5,80 euro
  • RSI (14): neutrale

La Doria

Brusco risveglio per La Doria che a inizio ottava cancella il rialzo di venerdì e affonda sui minimi di settembre a 17 circa. Sotto quest'area resterebbe solo quota 16,40, minimo dell'hammer del 16 agosto e base della prolungata fase laterale disegnata nel corso dell'estate ad impedire il completamento di un doppio massimo, in formazione da 19,66/19,68, per target negativi a 15,90 euro, per la chiusura del gap del 18 marzo, poi fino a quota 14,00. Reazioni dai livelli attuali e oltre 18,33 allenterebbero le tensioni favorendo un riavvicinamento alla resistenza a 19,68.

  • Target: 19,68 euro
  • Negazione: 17 euro
  • RSI (14): neutrale

Amplifon

Amplifon debole dopo il bearish engulfing disegnato dai record a 46,09 euro. Le quotazioni si stanno oradirigendo verso i primi supporti a 42,70, media esponenziale a 50 sedute, ma la flessione potrebbe estendersi fino al supporto successivo a 40,30, linea che sale dai minimi di febbraio. Solo la rottura di 46,49 permetterebbe di guardare a target a 49,70, lato superiore del canale che sale dai minimi di marzo 2020.

  • Target: 49,70 euro
  • Negazione: 40,30 euro
  • RSI (14): neutrale

Leonardo

Leonardo potrebbe confermare le intenzioni di crescita accelerando ulteriormente oltre i massimi di inizio settembre a 7,15 euro. In quel caso il movimento partito a luglio acquisterebbe velocità per target sui top di giugno a 7,44 euro. Discese sotto 6,60 metterebbero invece in discussione tale ipotesi prospettando un affondo verso i minimi estivi a 6,00 euro

  • Target: 7,44 euro
  • Negazione: 6,60 euro
  • RSI (14): neutrale

(CC - www.ftaonline.com)